Indietro
menu
Rimini

Livingston punta sul Fellini con l'incognita dell'autorizzazione Enac

di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 20 ott 2012 13:56 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La compagnia aerea Livingston, sbarcata al Fellini per coprire i buchi lasciati dalla Wind Jet, ha deciso di puntare sullo scalo riminese, nonostante le recenti difficoltà. Ieri l’amministratore delegato Riccardo Toto, nel corso di una conferenza stampa al TTG, ha annunciato alcune novità che riguardano proprio Rimini dove la compagnia proporrà da aprile a novembre charter diretti ad Helsinki, Oslo, Stoccolma, Copenhagen e Billund. Confermata anche l’intenzione di continuare l’attività di linea verso la Russia (Mosca e San Pietroburgo) e l’Ucraina (Kiev). Qui però a preoccupare è l’incognita delle autorizzazioni Enac: quella provvisoria per la ricopertura dei voli Wind Jet scade il 26 ottobre e ancora l’ente non l’ha rinnovata. Né Livingston, né Aeradria ne conoscono i motivi ma la speranza è che l’autorizzazione arrivi nei primi giorni della prossima settimana. Intanto Toto ha fornito i numeri dell’esperienza riminese della compagnia: da metà agosto, 170 voli verso 15 destinazioni con 16mila passeggeri. Dall’estate 2013 la Livingston avrà un aereo fisso al Fellini, una delle basi della compagnia insieme a Milano e Verona. La prossima primavera potrebbe partire anche un collegamento diretto con Tel Aviv.
Sul capitolo pagamenti dal Fellini (nota dolente in questi ultimi mesi: 30 i milioni di debiti), l’amministratore delegato della Livingston si dice tranquillo anche se auspica in futuro più puntualità. Aeradria, tramite RiminiGo, ha comunque acquistato dalla compagnia biglietti per due milioni di euro: i soldi sono già stati versati.

Notizie correlate
di Lamberto Abbati   
di Redazione