Indietro
domenica 1 agosto 2021
menu
Icaro Sport

Kickboxing. Al via i Campionati Europei Wako in Turchia

di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 26 ott 2012 13:53 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sale l’attesa per i Campionati Europei Wako che quest’anno prenderanno il via il 28 ottobre ad Ankara e si concluderanno il 3 novembre. 43 gli azzurri Seniores pronti a combattere, nelle specialità light contact, low kick e K1.
Ottimi i presupposti per l’Italia che parte agguerrita e pronta a rinfoltire il medagliere. A sfidarsi quest’anno, atleti di oltre 33 paesi tra cui le temute Russia, Polonia e Ungheria, già ai primi posti del medagliere internazionale ai Campionati del mondo 2011. Nella scorsa edizione degli europei, due anni fa, gli azzurri conquistarono il terzo posto con 4 ori, 7 argenti e 13 bronzi.

La nazionale di light contact parte con 17 azzurri. Tra i favoriti la siciliana Valeria Calabrese, categoria -50 kg del Fight Club Catania, già due volte campionessa del mondo e attuale campionessa d’Europa in carica. “Ci aspettiamo grandi risultati, soprattutto per l’altissimo livello della squadra femminile” – dichiara DTN Riccardo Wagner. Riflettori accesi specialmente sulla squadra di low kick, supportata dai DTN Massimo Rizzoli e Riccardo Bergamini, in vista delle qualificazioni che determineranno la partecipazione in questa specialità alla seconda edizione degli SportAccord World Combact Games 2013, che si terranno a San Pietroburgo, Russia, con l’alto patrocinio del CIO (Comitato Olimpico internazionale). Nella scorsa edizione tenutasi a Pechino nel 2010, a rappresentare il tricolore, la bergamasca Barbara Plazzoli, categoria -60 kg nella low kick, che conquistò l’argento e che quest’anno accompagnerà la delegazione italiana in Turchia a supporto e sostegno della squadra. Alte le aspettative anche per la squadra di K1, accompagnata dai DTN Giorgio Iannelli e Claudio Alberton. Tra i favoriti Alex Rossi, Antonio Campagna, Paola Cappucci e Annalisa Bucci. “Oltre alle nostre punte di diamante, siamo certi delle ottime prestazioni di tutta la squadra – dichiara Jannelli – e i risultati, a mio parere, non mancheranno ad arrivare”. La nazionale di K1 si sta riformando con cambi generazionali dopo il ricco medagliere degli scorsi anni che ha portato la squadra al terzo posto ai mondiali in Austria del 2009 e al quarto posto nella specialità agli europei del 2008 in Portogallo.

In Turchia arriveranno delegazioni provenienti da Azerbaijan, Bielorussia, Belgio, Bosnia Herzegovina, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Ungheria, Irlanda, Israele, Italia, Lituania, Macedonia, Moldavia, Norvegia, Polonia, Portogallo, Russia, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia e Ucraina. L’evento, organizzato dalla Federazione Turca di Kickboxing presieduta da Salim Kayici ospiterà circa 800 persone tra atleti, coach, arbitri e accompagnatori. Il presidente turco, insieme al presidente internazionale della WAKO (World Association of Kickboxing Organizations), Ennio Falsoni, darà il via al campionato con la cerimonia di apertura che si terrà martedì 30 ottobre presso l’Ankara Arena Sports Center – ULUS. “E’ un privilegio per noi ospitare un evento di così ampia rilevanza – dichiara Kayici. – siamo letteralmente onorati e orgogliosi che il nostro paese sia stato scelto per questo evento”.

“Oltre alla grande rilevanza dell’evento ed essere per di più prova valida di qualificazione per i Combat Games 2013 – dichiara Falsoni, presidente WAKO – siamo fieri che un paese come la Turchia ci ospiti. Non dimentichiamo che la kickboxing turca è cresciuta esponenzialmente negli ultimi anni con oltre 100.000 associati e grandi vittorie.