Indietro
domenica 1 agosto 2021
menu
Icaro Sport

Il Palas di Rimini scippa a Riccione il Campionato Europeo di Cheerleading 2013

di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 4 ott 2012 17:00 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nei vent’anni di attività dell’associazione internazionale non era mai capitato che una destinazione avesse avuto l’opportunità di ospitare per due anni consecutivi la manifestazione. Grande soddisfazione dunque per Rimini che con il suo Palacongressi ha avuto la meglio sulle altre città candidate rimaste nella short-list: Zara (Croazia), Lubiana (Slovenia) e Manchester (Regno Unito).

“L’assegnazione di questo nuovo importante evento è una vittoria del nostro territorio e dell’efficienza del sistema Rimini del quale CBRR è un braccio operativo.” – ha commentato Roberto Berardi, presidente di Convention Bureau della Riviera di Rimini – “Un’altra conferma della coesione con cui istituzioni ed operatori privati lavorano per imporre la nostra destinazione sul mercato internazionale.”

“E’ da tempo che stiamo lavorando per l’acquisizione di eventi sportivi che abbiano una forte ricaduta turistica per far sì che Rimini possa ambire a diventare il primo distretto turistico-sportivo in Italia. E quello dell’assegnazione dei Campionati Europei di Cheerleading è un altro attestato di questo impegno e dell’attrattività che Rimini sa esercitare per questi eventi di portata internazionale. Un obiettivo che può essere raggiunto, come in questo caso con il Convention Bureau, solo facendo squadra, per dare agli organizzatori di questi eventi un’immagine di stretta collaborazione ed efficienza di tutto il sistema d’accoglienza necessarie al successo delle manifestazioni.” – ha aggiunto l’assessore allo Sport del Comune di Rimini, Gian Luca Brasini.
Saranno infatti 2.500 gli atleti che invaderanno la città per competere a suon di coreografie e costumi.15.000 le presenze complessive stimate (provenienti in particolar modo dall’Europa dell’Est e solo per il 10% dall’Italia) per un evento che riscuote enorme attenzione da parte dei media nazionali ed internazionali.