Indietro
menu
Provincia Turismo

Concessioni di spiaggia: c'è una bozza del decreto. Categorie contro

di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 24 ott 2012 08:19 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Alla professionalità acquisita verrà attribuito un valore non superiore al 40% del punteggio complessivo, e solo in una prima fase di gara. Previsto un indennizzo per il concessionario uscente pari agli interventi effettuati a sue spese durante la concessione. E’ questo punto in particolare ad essere destinato ad attirare le critiche maggiori degli operatori balneari.

La migliore offerta è selezionata, si legge ancora nella bozza, col criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, sulla base di un piano economico-finanziario di copertura degli investimenti e della connessa gestione per l’arco temporale oggetto della concessione.
La durata delle concessioni è indicata come non inferiore ai 6 anni e non superiore ai 25. La concessione, si dice poi, è in misura proporzionata all’entità e alla rilevanza economica dell’investimento da parte del concessionario.

E a livello nazionale c’è stata subito una presa di posizione netta contro la bozza resa pubblica – che non sarebbe la sola allo studio del Governo – da parte di Sib, Fiba, Cna Balneatori, Assobalneari. Le sigle sindacali scrivono: “Nella versione in nostro possesso, la bozza è totalmente inaccettabile. Si viene così meno a un impegno assunto dal governo lo scorso febbraio di trovare preventive intese, non solo con le associazioni di categoria, ma anche con Regioni e Comuni”.

Notizie correlate
di Redazione