Indietro
domenica 1 agosto 2021
menu
Icaro Sport

Calcio. Santarcangelo-Fano 2-1

di    
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
dom 28 ott 2012 18:59 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

IL TABELLINO
Santarcangelo (4-3-1-2): Nardi, Fabbri (37’ s.t Locatelli), G. Rossi, Cola, Benedetti; Baldinini, Oliboni (31’ s.t Beatrizzotti), Obeng, P. Rossi; Anastasi Parodi (11’ s.t Pieri). A disp.: Ruffato, Beccaro, Bazzi,Canini. All.: Masolini.

Fano (4-3-1-2): Beni; Colombaretti, Amaranti, Romito, Giannusa; Cazzola (21’ s.t Fabbro), Merli, Urso; Proia (36’ p.t Forabosco – 41’ s.t Allegretti); Marolda, Piccoli. A disp.: Proietti G., Evangelisti, Berretti, Bartolucci All.: Gaudenzi.

Arbitro: Gentile da Lodi.
Assistenti: Meschi da Lecco e Donvito da Monza.

Marcatori: 22’ Parodi (S), 47’ Colombaretti (F), 63’ Anastasi (S).

Ammoniti: Benedetti, Parodi, Cola (S), Berni, Romito (F)

Note: spettatori circa 500 di cui una quarantina provenienti da Fano. Recupero: 1′ p.t e 4′ s.t.

La partita:
Masolini schiera lo stesso undici iniziale visto all’opera a Castiglione. La novità è il recupero di Beatrizzotti che siede in panchina. Dall’altra parte il Fano deve rinunciare allo squalificato Boccacini che resterà fuori (per infortunio) 40 giorni. Gaudenzi rispetto alla settimana prima lascia in panchina Fabbro e Evangelisti schierando al loro posto Merli e Proia. Giannusa sostituisce Boccacini.

La sintesi: Gara aperta con entrambe le squadre che giocano per centrare i tre punti. Il Santarcangelo a differenza di altre volte si dimostra più cinico di un Fano che gioca bene e che non meriterebbe l’ultimo posto in classifica. Alla fine in virtù delle occasioni create (nonostante le recriminazioni ospiti) la vittoria dei romagnoli è meritata.

La Cronaca:
Avvio di gara timoroso per ambedue le formazioni. La prima occasione capita al Fano al minuto 17’. Cola si fa soffiare palla da Piccoli che scodella al centro dell’area di rigore un traversone invitante per la testa di Cazzola che spedisce alto. Al 22’ la dea bendata si mostra finalmente di fede gialloblu. Rossi dalla sinistra mette al cento un traversone per l’accorrente Anastasi. L’attaccante stoppa il pallone ma il suo tentativo viene ribattuto dalla difesa ospite sul corpo di Parodi che di piatto deposita il pallone in rete. Primo goal in stagione per l’ex Genoa. Al 36’ il Fano sostituisce Proia con Forabosco, ma trenta secondi dopo è il Santarcangelo a sfiorare il raddoppio. Parodi con la collaborazione di Anastasi recupera palla, allarga per Baldinini che di prima intenzione innesca nuovamente Anastasi ma quest’ultimo anziché provare la conclusione serve un pallone al centro dell’area che nessuno dei compagni raccoglie. L’ultima emozione arriva al 44’ quando Fabbri serve ad Anastasi un pallone che chiede solamente di essere spinto in rete. L’ariete a botta sicura si lascia ribattere il tiro dal difensore Romito.
La ripresa inizia subito con il. Dall’angolo il Fano perviene al pareggio con il colpo di testa di Colombaretti che non lascia scampo a Nardi. I romagnoli non ci stanno e creano una serie di occasioni da rete. All’ottavo su calcio piazzato Paolo Rossi non trova fortuna. Al 15’ Obeng prova a colpire dalla distanza ma il tiro termina sul fondo. Passa appena un giro di lancette ed è Pieri a resistere alla carica di Romito e a involarsi verso la porta avversaria. L’attaccante di solito molto freddo davanti alla porta, spara addosso a Berni. iL vantaggio non tarda ad arrivare. Al 17’ Anastasi raccoglie un traversone dalla destra e batte Beni. I marchigiani protestano perché a loro modo di vedere la palla non avrebbe oltrepassato la linea di porta. Il direttore di gara Gentile assegna il gol. C’è tempo ancora per un colpo di testa di Obeng che servito da G. Rossi spedisce a lato. Il finale è da brivido per i tifosi di casa, che dopo aver applaudito una rovesciata di Foraboscolo terminata a lato, vedono Nardi compiere due interventi prodigiosi. Il primo arriva al minuto 42’ quando nega a Marolda il goal di testa rifugiandosi in angolo. Il secondo arriva nel recupero quando ad Allegretti risponde con una parata d’istinto.