Indietro
lunedì 26 luglio 2021
menu
Icaro Sport

Calcio. Rimini, cambia l'obiettivo stagionale: la salvezza

di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 25 ott 2012 13:51 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il Rimini cambia il suo obiettivo stagionale: non più un campionato da protagonista, si punterà invece al mantenimento della categoria. Colpa della congiuntura economica negativa, che ha portato a una riduzione degli sponsor del 60%. Oggi il presidente della società biancorossa, Biagio Amati, ha spiegato quali sono i nuovi diktat: ridimensionamento (“senza però smantellare” ha precisato “ma riducendo alcune voci di spesa che non ci possiamo più permettere”) e largo ai giovani in prima squadra: “Luca D’Angelo è il nostro allenatore e io gli ho chiesto di darci una mano, facendo giocare più giovani per ottenere più contributi”.
Amati ha anche lanciato un appello alla città: “sono molto deluso dal vedere che ci sono tante persone a cui Rimini ha dato tanto e che invece si disinteressano del calcio cittadino. Chiedo all’amministrazione comunale, agli imprenditori, alle associazioni di categoria e ai privati che ci diano una mano”.

“Vogliamo portare avanti il progetto sociale e sportivo dell’AC Rimini, per farlo c’è bisogno del supporto di tutti, aziende e privati. Abbiamo una bella macchina ma, per sfruttarla al massimo, serve anche la benzina” – si legge sul sito della Rimini Calcio -. Questo il pensiero del Presidente Biagio Amati durante l’attesa conferenza stampa di questa mattina.
“La congiuntura economica non ci favorisce – prosegue Amati – ma, nonostante il ridimensionamento generale, vogliamo continuare a dare il massimo per la città di Rimini e per la squadra con i mezzi a disposizione.
In rosa sono presenti giovani atleti di spessore, la nostra mission sarà valorizzarli al massimo e, di conseguenza, avere accesso ai contributi della Lega che in questo momento per noi sono una risorsa economica importante.
Devo ringraziare mister D’Angelo che, per il bene della società, ha deciso di sposare la “linea verde” suggerita dalla proprietà, senza per questo distruggere il progetto costruito in questi anni. Il nostro obiettivo al momento è mantenere la categoria, facendo appello a tutte le realtà del territorio, affinché non restino indifferenti e aiutino in maniera tangibile l’AC Rimini a rimanere un riferimento importante per la città”.

Notizie correlate