Indietro
sabato 31 luglio 2021
menu
Icaro Sport

Calcio. Eccellenza: Massa Lombarda-Cattolica 0-0

di    
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
dom 7 ott 2012 19:01 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

MASSA LOMBARDA – CATTOLICA 0-0

MASSA LOMBARDA
Calderoni, Buttignon (11′ Buonavoglia), Albonetti, Luca, Pederzoli, Zaganelli, Monti (C) (83′ Trombetti), Resta, Landolfi, Caprioni, Visani (58′ Scala).
Panchina: Vandelli, Sartoni, Leanza, Guerra. All.: Zaccaroni

Ammonizioni: 14′ Buonavoglia, 45′ Zaganelli, 80′ Pederzoli

CATTOLICA: Gozzi, Casolla, Zandri, Battistini, Brolli, Sabattini, Ragno (56′ Gualtieri), Ordonselli, Nesi (83′ Ceccaroli), Pasini, Bernabucci (74′ Bufalo).
Panchina: Cavalletti, Prodan, Buffone, Laraiche. All.: Carta

Ammonizioni: 30′ Ordonselli, 45′ Zandri

Terna arbitrale: Tugnoli di Ferrara. Assistenti: Migani, Ensini entrambi di Forlì

Allo stadio “Dini e Salvalai” tra Massa Lombarda e Cattolica viene fuori un pareggio che accontenta i padroni di casa, ma che forse lascia un po’ di amaro in bocca ai cattolichini, i quali nel primo tempo hanno seriamente rischiato di passare in svantaggio e che nel finale di gara hanno però creato tanto senza comunque mai sfruttare al massimo le occasioni.

Al Cattolica mancavano gli squalificati Angelini, Mercuri e Bagli e queste assenze hanno dato la possibilità ai padroni di casa di giocare un discreto primo tempo comunque un po’ noioso.
Il Cattolica si dimostra subito meno sciolto e dinamico del solito e così il Massa Lombarda, che già all’11’ deve sostituire l’esterno difensivo Buttignon e dunque ridisegnare la difesa, riesce a tenere il controllo della palla e a calciare per la prima volta verso la porta cattolichina al 18′ con Monti. Nulla di fatto. Passano però solo tre minuti e ancora una volta i bianconeri vanno all’attacco, costruendo con Monti e Caprioni un’azione pericolosissima che Visani sciaguratamente spreca calciando alto da pochi metri e a porta vuota. La prima occasione degli ospiti arriva solo al 29′, quando Nesi si inventa due splendidi dribbling al limite dell’area, grazie ai quali si presenta davanti al portiere, dove rinuncia incomprensibilmente al tiro per servire al centro una palla assai poco efficace e dunque l’azione sfuma.

Nel secondo tempo invece è battaglia: già nei primi cinque minuti i giallorossi si affacciano sull’area massese due volte con Bernabucci, poi è Monti che servito da Landolfi sfiora la traversa al 55′ facendo sperare i tifosi di casa. Quindi si vede una delle solite azioni corali e ben manovrata della squadra di Carta, che al 59′ mette nelle condizioni Ordonselli di calciare, ma il giovane fanese spedisce la palla fuori. Al 61′ Monti dribbla Casolla in area e calcia, ma la conclusione è facilmente bloccata da Gozzi ben appostato a difesa del primo palo.
Al 68′ è quindi il momento di Gualtieri (entrato al 56′ al posto di Ragno per dar maggior efficacia all’attacco) – e il “cobra” calcia una sorta di rigore in movimento ma debolmente e in braccia al portiere. Un minuto dopo ancora Gualtieri, entrato subito nel vivo del gioco, serve questa volta Bernabucci che dal limite calcia fuori. A questo punto il Cattolica crede nella possibilità di fare bottino pieno e così si rende ancora una volta pericoloso al 80′ con Nesi, che entra in area e si presenta una seconda volta davanti al portiere. Questa volta sceglie di calciare, rimediando però solo un angolo. I padroni di casa iniziano a soffrire la crescente pressione degli adriatici, ma al 85′ sono bravi a far recapitare palla in avanti a Landolfi, il quale dopo un bel dribbling dal limite calcia repentinamente in porta sfiorando ancora una volta la traversa e facendo arrabbiare Gozzi, che non vede nella circostanza la sua porta protetta a sufficienza.

C’è ancora tempo per le ultime due occasioni della gara: la prima capita all’ 89′ in mischia sui piedi di Pasini, che calcia appena può, e come può, e per poco non trova il gol, se non fosse per l’intervento di Calderoni che si tuffa e devia sul palo la palla poi finita in angolo.

Due minuti dopo il tentativo finale della squadra di Carta si genera in modo anche fortuito, ma comunque la palla finisce tra i piedi di Gualtieri, che è libero di calciare da dentro l’area, ma la sua debole conclusione di interno finisce comodamente tra le braccia di Calderoni.
La partita dunque finisce in parità, a reti inviolate, e la sensazione è che ad averci guadagnato veramente siano i bianconeri di Mister Zaccaroni, comunque bravi a strappare un pareggio ad un Cattolica pericoloso ma oggi forse un po’ sprecone.

(nella foto, Gualtieri)

Notizie correlate