Indietro
domenica 1 agosto 2021
menu
Icaro Sport

Calcio a 5 C1. Pretelli Rimini-Futsal Bellaria 1-4

di    
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
dom 14 ott 2012 09:16 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

IL TABELLINO
Pretelli Rimini-Futsal Bellaria 1-4 (0-0 p.t.)

Pretelli Rimini: Sancisi, Carboni, Della Vittoria, Toscano, Zavioli, Carta, Moroni, Gobbi, Boschi,
Castro Ramos, Timpani, Malpassi. All. Domeniconi.

Futsal Bellaria: Cellarosi, Belloni, Magnani, Georgiev, Fantini, Tole, Esposito, Gasperoni,
Canducci, Michelotti, Manzi, Koci. All. Muccioli.
Arbitri: Mazzanti di Bologna e Tonelli di Forlì.

Reti: 5’ st e 8’ st Magnani, 15’ st Fantini, 18’ st Michelotti, 18’ st Timpani (RN).

Tanto cuore e tanta volontà, ma Rimini resta al palo. Dopo una partita intensa e ben giocata da entrambe le squadre, di fronte tra l’altro ad una bellissima cornice di pubblico, il derby è andato al Bellaria, capace nella ripresa di piazzare i colpi partita. Pesante il passivo per i ragazzi
di Domeniconi che non hanno giocato una brutta gara, anzi, ma i tutti limiti di questo inizio di
stagione sono venuti fuori dopo 40’ minuti di buon livello, con l’uno-due firmato da Magnani (uno
dei tanti ex dell’incontro) che ha lasciato il segno tra le fila biancorosse. Per il Rimini una sconfitta che pesa, l’ultima posizione in classifica a quota zero è scomoda e fa male, col calendario che nelle prossime gare non verrà incontro ai biancorossi visti i diversi scontri contro le big del campionato.

Primo tempo tiratissimo ed equilibrato, giocato su ritmi alti da ambo le parti. Il primo acuto è
del Rimini al 2’: Timpani salta l’uomo sull’out di sinistra, palla in mezzo a Gobbi che a tu per tu
con Cellarosi spreca malamente. Ancora Gobbi lanciato da Timpani ha sul sinistro la palla del
vantaggio, ma la conclusione è imprecisa. Il Bellaria risponde con Tole, ma Sancisi non si fa trovare impreparato. Due occasioni buone capitano poi sui piedi di Toscano (in extremis in campo dopo due settimane di stop per un infortunio al polpaccio) col pallone che si perde però lontano dalla porta bellariese. Esposito non trova il guizzo giusto sotto porta (buono Sancisi in uscita), poi è Michelotti a provarci dalla distanza ma il risultato non si schioda. Rimini che nel finale ci prova con Carboni (tiro salvato sulla riga) e Timpani (punizione a fil di palo, ci arriva Cellarosi), con la prima frazione che termina dunque a reti inviolate.

La ripresa è di marca biancorossa: Zavoli prova lo spunto sulla fascia ma la sua conclusione termina
alta, al 4’ invece contropiede 3 vs 1 gestito malissimo, con Timpani lasciato completamente solo e non servito al momento opportuno. Puntuale la risposta, per la più classica delle punizioni: è infatti il 5’ quando Magnani con un bel tocco sotto supera Sancisi per il vantaggio ospite. Il gol rompe gli schemi e gli equilibri in campo: Rimini sbanda e capitola per la seconda volta nel giro di tre minuti per mano dello stesso Magnani. Rimini risponde al 14’ con Timpani che impegna severamente Cellarosi autore di una grandissima partita. Ma la Futsal preme e trova la terza rete con un altro ex, Mirko Fantini, che appoggia solo sul secondo palo un contropiede ben orchestrato. Il colpo è letale, Rimini ci prova ma la sua reazione è disordinata anche se generosa. La rete in contropiede di Michelotti chiude i giochi, anche se Timpani trenta secondi dopo prova a tenere accesa una flebile fiammella di speranza appoggiando in rete una ribattuta dell’estremo ospite. Fiammella che si spegne sugli altri due interventi decisivi che Cellarosi compie sullo stesso numero 11 riminese, che si vede negare per due volte la rete che avrebbe potuto dimezzare lo svantaggio e rendere più avvincente il finale.

Finisce 4 a 1, una punizione forse troppo severa per quello che si è visto in campo, ma in questo momento tutto volta le spalle ai biancorossi.

Ufficio Stampa C5 Rimini

(nella foto, il capitano del Calcio a 5 Rimini, Davide Timpani, autore del gol della bandiera)