mercoledì 18 settembre 2019
menu
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 14 set 2012 19:14 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Da tempo Renzi chiedeva il ripristino dello scorrimento naturale e continuo delle acque dal Marecchia, oggetto principale della sua mozione.
Un intervento che si inserisce nell’ambito più ampio della riqualificazione del Ponte, del suo bacino e del parco Marecchia.
__________________________________________________

L’intervento di Renzi:

E’ stato approvata all’unanimità dal Consiglio Comunale di ieri sera la mozione del sottoscritto che impegna la Giunta:

1) a procedere all’approvazione del progetto definitivo ed esecutivo di ripristino dello scorrimento naturale e continuo delle acque dal Marecchia, essendo in possesso dal 2006 del progetto preliminare al riguardo di Alpina Acque;

2) a prevedere a breve la realizzazione del suddetto progetto con il prossimo Piano degli Investimenti per perseguire la riqualificazione completa del Parco Marecchia, del Bacino del Ponte di Tiberio, del Porto Canale.

Si tratta di andare avanti con il progetto, che prevede precisamente “un canale di derivazione a deflusso naturale dall’alveo inciso del fiume Marecchia, a monte della briglia “Rimini” , sottostante la passerella pedonale , per convogliare le acque in un canale lungo l’asse longitudinale del vecchio alveo, oggi Parco Marecchia, fino al Bacino del Ponte di Tiberio con una portata idrica dell’ordine di 1,0 m3/s e comunque non inferiore a 0’6 m3/s “.

Dopo lo smantellamento della diga mobile avvenuta nel 2009 con il contestuale restauro delle Mura Medievali del Bacino del Ponte, si può ora realizzare quell’afflusso di acqua da monte, dal Fiume Marecchia, per provocare quel necessario ricambio idrico ed una migliore qualità delle acque dell’invaso del Ponte di Tiberio e del Porto Canale.

Ringrazio il Consiglio Comunale che con il suo voto unanime dà seguito interamente al dispositivo della Mozione, approvata nel 1999, che prevedeva al 1° punto lo smantellamento della soglia mobile in ferro che, oltre al mancato rispetto storico ed estetico verso il più imponente monumento della Rimini romana, ostacolava la circolazione delle acque con un grave impatto igienico sanitario e col rischio di allagamenti in caso di piena e al 2°punto, il ripristino dello scorrimento naturale e continuo di acque dolci dal Marecchia per ridare vita al Parco, al Ponte , al Porto restituendoli all’interesse della Città.

E’ un altro risultato importante di una lunga battaglia iniziata nel 1996 che proseguirò, per chiedere attuazioni concrete in tempi certi nel prossimo Piano degli Investimenti, con l’obiettivo, di celebrare degnamente in un ambiente “rinaturalizzato “ il bimillenario del Ponte di Tiberio.

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
di Icaro Sport   
FOTO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna