giovedì 24 gennaio 2019
di    
lettura: 1 minuto
mer 12 set 2012 11:54 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Un uomo di 73 anni si è avventato sulla convivente 77enne accoltellandola alla gola.
La donna, ipovedente, non ha potuto difendersi. A dare l’allarme, intorno alle 3 del mattino, alcuni vicini che hanno sentito le urla. Non era la prima volta che sentivano liti, ma mai nulla di grave. Anzi il 73enne era definito dei vicini come una persona affabile. L’uomo a gennaio era però stato colpito da un ictus cerebrale.
Entrambi erano seguiti dai servizi sociali, ma per i problemi fisici, non quelli psichici. Che però sono probabilmente alla base della tragedia: entrambi pare facessero un moderato uso di antidepressivi.
I due si erano conosciuti in occasione, appunto, di percorsi terapici e convivevano nella casa della donna da alcuni anni.
Secondo le prime ricostruzioni dei Carabinieri, l’aggressione è avvenuta dopo una lite al termine della quale il 73enne ha impugnato un coltello da cucina da 30 centimetri con una lama di 20 centimetri.
L’uomo è stato arrestato per tentato omicidio: sempre che, appunto, la donna sopravviva.
Al loro arrivo, i militari lo hanno trovato in strada che ripeteva “l’ho uccisa”.
L’anziana è stata trasportata d’urgenza con una profonda ferita alla gola all’ospedale di Rimini e sottoposta ad un delicato intervento iniziato intorno alle 6. Le sue condizioni appaiono critiche se non disperate. Anche l’aggressore, originario di Bologna e con due figli avuti in una precedente relazione, è stato portato all’Infermi e sedato, sotto il controllo dei Carabinieri.

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna