sabato 19 gennaio 2019
di    
lettura: 2 minuti
ven 10 ago 2012 16:18 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Atti violenti e inediti. Così il sindaco di Rimini Gnassi commenta in una conferenza stampa convocata nel primo pomeriggio quanto accaduto questa mattina su viale Regina Elena, all’altezza di via Lagomaggio: intorno alle 9 tre agenti in borghese della polizia municipale hanno individuato un venditore abusivo che si apprestava a mettere in vendita merce contraffatta. Vedendoli, l’uomo è fuggito. Cosa che capita spesso in questo tipo di controlli. La violenza è scattata però poco dopo: quando gli agenti stavano caricando la merce sull’auto sono stati aggrediti da un gruppo di 15 o 20 persone di origine senegalese armati di oggetti contundenti improvvisati come manici di scopa o, addirittura, la plancia con la civetta dei quotidiani in edicola.
Dopo un primo momento di sorpresa i vigili sono riusciti ad arrestarne uno e a chiamare i rinforzi.
Nei concitati momenti che sono seguiti, passanti e commercianti, a differenza di quanto accaduto in altre circostanze sull’arenile, hanno cercato di aiutare le forze dell’ordine. I tre agenti sono stati curati al pronto soccorso con prognosi tra 5 e 7 giorni.
“E’ un episodio di una gravità assoluta – commenta Jamil Sadegholvaad, assessore alla polizia municipale – e non siamo disposti a tollerare atteggiamenti del genere nei confronti delle forze dell’ordine”.
“Quella di oggi è una modalità violenta e nuova che ci ha sorpreso – dice Vasco Talenti, comandante della Polizia Municipale – che forse è legata all’efficacia dell’attività di contrasto messa in atto e che ha portato finora al sequestro di 493 sacchi di merce contraffatta dal valore di decine di migliaia di euro”. Dietro l’episodio di questa mattina ci potrebbe quindi essere il nervosismo dei venditori per una stagione che, grazie anche alle attività di contrasto messe in campo, non sta dando i bilanci auspicati. A seguito dell’aggressione sono stati già due gli arresti mentre nel pomeriggio altre dieci persone sono state fermate da vigili e carabinieri.
In un incontro svoltosi in mattinata, Prefetto, Questore e rappresentanti delle istituzioni hanno confermato l’impegno nella lotta all’abusivismo fatto di azioni congiunte e strategie condivise tra le forze dell’ordine.
Il sindaco ha però ribadito anche le difficoltà di organico sia per la polizia municipale (che conta al momento su circa 220 agenti compresi i 18 a tempo determinato per l’estate) che per le altre forze dell’ordine. E spesso gli appelli primaverili per chiedere rinforzi estivi cadono nel vuoto.

Newsrimini.it

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna