domenica 25 agosto 2019
menu
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
ven 24 ago 2012 12:16 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Il ragazzo ha avuto tre pallini conficcati in testa. Si trovava sotto il ponte insieme a quattro connazionali. Hanno detto di essere lì per bivaccare. Non sono chiari i motivi all’origine della sparatoria. C’è stato prima un alterco con due italiani che sul ponte stavano transitando con un grosso scooter: i tunisini hanno detto di non conoscerli e di essere stati apostrofati perché facevano confusione.

Dopo essersi allontanati, i due in scooter – italiani – sono tornati sul ponte e hanno sparato. Al vaglio degli inquirenti c’è l’ipotesi che dietro la vicenda possa esserci un regolamento di conti per il controllo di una piazza dello spaccio.

Gli italiani avrebbero tra i 30 e i 35 anni. Dalle testimonianze sembra che l’aggressore abbia puntato in aria il fucile una prima volta, mentre la seconda, forse per errore, ha colpito il tunisino alla testa. Si sta valutando l’ipotesi di reato, non e’ escluso che venga ipotizzato il tentato omicidio. La posizione dei cinque tunisini è al vaglio dell’ufficio immigrazione della questura in queste ore. Uno di loro ha precedenti penali per droga.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
Notizie correlate
di Icaro Sport   
FOTO
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna