martedì 16 luglio 2019
menu
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
ven 10 ago 2012 10:15 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

L’attenzione secondo il sindacato va puntata in particolare sulle forme part-time che nascondono a volte il tempo pieno e nel lavoro a chiamata senza riposi.

“Trovare un lavoro temporaneo (regolare) potrebbe sembrare un privilegio. dice la Cgil che spiega come “negli annunciati interventi del Governo per lo Sviluppo, non compaia nessuna strategia di interventi sul settore del turismo, che ancora una volta rischia di essere ignorato nel suo enorme potenziale di rilancio e condannato ad una marginalità che favorisce anche la dequalificazione professionale.” La Cgil cita poi la questione MiniAspi (ex disoccupazione stagionale i cui requisiti diventeranno più stringenti, ma anche le aste per le concessioni demaniali previste dalla direttiva Bolkeinstein. In questo caso per la Cgil rischi occupazionali potrebbero derivare da operazioni unicamente improntate al massimo ribasso.

“In attesa di conoscere i dati relativi alla stagione 2012, i cui segnali di criticità sembrano confermati anche ad agosto, riteniamo doveroso ribadire che il lavoro sommerso costituisce non solo una lesione della legalità, ma anche un messaggio di forte negatività per tutto il settore, che sminuisce l’impresa che sta sul mercato rispettando leggi e contratti e nel contempo attiva un circolo vizioso che dall’irregolarità porta allo scadimento della qualità del servizio fino all’opacizzazione dell’immagine di tutto il comparto”.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
di Simona Mulazzani   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna