sabato 16 febbraio 2019
di    
lettura: 2 minuti
gio 30 ago 2012 19:09 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Nella diffida, Federambiente chiede all’esecutivo di rimborsare “l’IVA sulla tariffa rifiuti versata dalle imprese associate, che con la sentenza
n. 3756, emessa lo scorso 9 marzo dalla Corte di cassazione, si ritiene che lo Stato abbia
indebitamente introitato.”

“I contribuenti – scrive ancora Federambiente – che ora si rivolgono alle nostre aziende per avere restituita l’IVA pagata che i nostri associati hanno versato all’erario esprimono una giusta istanza ma nel luogo sbagliato. Con la diffida Federambiente intende sollecitare il governo ad adottare misure risolutive di un contenzioso che dura da troppo tempo e che vale oltre 1 miliardo di euro.”
L’associazione si dice disponibile al confronto per individuare le misure più idonee che il governo dovrà approntare.

Intanto Hera a chi chiede informazioni sui rimborsi risponde con la seguente nota:

“Hera SpA ha assoggettato ad IVA la Tariffa applicata al Servizio Gestione Rifiuti sulla base della normativa di tempo in tempo vigente e, nella qualità di sostituto d’imposta che le competeva, ha regolarmente provveduto a versare all’Erario statale il gettito d’imposta mano a mano riscosso, nei modi e nei termini previsti dalla specifica normativa. Essendo un diritto di ciascun Cliente presentare istanza di rimborso dell’IVA pagata, ai sensi della sentenza citata, Hera SpA accetterà ogni richiesta che le sarà presentata ma non potrà procedere ad alcuna forma di rimborso sino a quando non otterrà a sua volta dallo Stato la restituzione dell’imposta versata all’Erario. Quando ciò dovesse accadere sarà la stessa Società a provvedere alla restituzione del dovuto a ciascun Cliente che ne abbia diritto e ciò a prescindere dalla presentazione o meno di specifica istanza di rimborso. Al fine di avviare tale processo Hera SpA ha già investito la propria Associazione di Categoria affinché attivi presso il Parlamento ed il Governo le opportune iniziative.”

. L’argomento dopo la sentenza del marzo scorso della Cassazione è stato oggetto di una puntata della trasmissione Diritto e Rovescio di Icaro Tv (guarda la puntata)

Altre notizie
di Andrea Polazzi
Notizie correlate
di Redazione
di Maurizio Ceccarini
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna