16 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Diffida. Il ‘nuovo’ Cocoricò dovrà essere illuminato e videosorvegliato

CronacaRiccione

31 agosto 2012, 13:59

3 casi di overdose al Cocoricò, solo nel mese di agosto. Sono tanti. Troppi. Il tempio della trasgressione sulle colline riccionesi capace di accogliere 100.000 persone in tutta l’estate, è l’unica discoteca d’Italia in cui sono avvenuti casi simili nell’ultimo anno. ‘Qualcosa deve assolutamente cambiare’. Lo hanno detto congiuntamente oggi il questore e il colonnello dei carabinieri che hanno accuratamente preparato la diffida nei confronti della proprietà della discoteca più famosa d’Italia.
‘La politica non c’entra niente, si tratta di tutelare la salute dei giovani’. Ha detto il questore Capocasa illustrando il provvedimento. Dietro i toni diplomatici del documento, condiviso dal Prefetto, ci sono regole ben precise: le zone buie devono essere eliminate, parcheggi e bagni, il servizio di sicurezza potenziato all’interno e all’esterno, attualmente ritenuto insufficiente, installata la videosorveglianza, anche dentro. Anche le forze dell’ordine saranno più visibili.
Da dopo la chiusura per 15 giorni a dicembre, in seguito al 18 enne di Cattolica che si stava per giocare il fegato dopo aver assunto ecstasy alla sua festa di compleanno, costretto poi ad un trapianto al Sant’Orsola di Bologna, il giorno stesso dell’apertura, ci sono stati due arresti per spaccio. Fino ad oggi sono stati 20, altre 20 denunce, 15 segnalati alla prefettura, e poi scippi, furti e borseggi.
‘Abbiamo deciso di dare una serie di indicazioni al locale per rendere più sicuro il contesto. 3 overdose in un mese sono gravi. Abbiamo agito con un provvedimento molto meditato. Non c’è criminalizzazione da parte di nessuno, anche perché abbiamo sempre collaborato bene con i gestori’ – ha dichiarato il colonnello Luigi Grasso. Qualcosa si deve cambiare, cosa, lo dice la diffida. Come, lo dovranno decidere i gestori che domani mattina incontreranno i funzionari del questore che ha fatto capire chiaramente che questo, è l’ultimo avvertimento. O si spegne la Piramide.

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454