lunedì 21 gennaio 2019
di    
lettura: 2 minuti
gio 16 ago 2012 15:36 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Sabato 18 agosto alle ore 14 verranno ufficialmente presentati i lavori di ristrutturazione interna del Bocciodromo comunale di via Carpi 30. Durato tre mesi e fortemente voluto dall’Associazione sportiva dilettantistica Bocciofila Riccionese, l’intervento ha comportato il rifacimento del manto delle corsie di gioco, molto rilevante sotto il profilo sportivo e agonistico (sono state usate sabbie anti-polvere) ma anche degli uffici interni: presidenza, segreteria e altri spazi di accoglienza. “I lavori – spiega il Presidente della Bocciofila riccionese Lino Matteini – non erano più rinviabili, sia sotto il profilo della sicurezza dell’impianto che per il corretto svolgimento delle gare, in cui Riccione, come è noto, vanta una grande tradizione di presenza nelle primissime posizioni nazionali e internazionali. Ogni giorno tantissime appassionati del gioco delle bocce, diciamo non più giovanissimi, frequentano il nostro impianto, ritrovano gli amici con cui parlare e trascorrono momenti di gioco e di serenità. Senza una struttura come il Bocciodromo la loro vita sarebbe certamente meno allegra e serena.” Nel portare a termine l’intervento, il contributo di lavoro personale dei soci e dei volontari è stato determinante, sia nel lavoro di scrostatura, sverniciatura, tinteggiatura, smontaggio del vecchio mobilio, pulizie finali ecc. Il costo complessivo dei lavori ammonta a 21.000 euro, di cui 11.500 coperti dal contributo dell’Amministrazione comunale, proprietaria del Bocciodromo, mentre i rimanenti 9.500 euro di costi vivi sono stati coperti dalla Bocciofila. A diverse migliaia di euro in ore-lavoro ammonterebbe invece il lavoro volontario dei soci e simpatizzanti della Bocciofila. “Anche questo contributo in lavoro volontario – rimarca il Sindaco Massimo Pironi – è un fatto di straordinaria importanza. In primo luogo perché misura il grado di coesione sociale di una comunità e il senso di appartenenza dei cittadini al mantenimento dei beni pubblici. In secondo luogo, c’è l’aspetto della manutenzione di una di quelle strutture sportive che hanno fatto e continueranno a fare il bene della città. Sia svolgendo il loro ruolo sociale e culturale in senso lato, che ospitando manifestazioni sportive con ospiti e atleti da tutta Italia.”

Altre notizie
al servizio di quattro comuni

Inaugurato il nuovo sportello Hera

di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna