sabato 19 gennaio 2019
di    
lettura: 1 minuto
mar 17 lug 2012 16:36 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

“Mi assumo la responsabilità tecnica e politica di rinunciare alle tagesmutter– ha spiegato l’assessore alle Politiche Sociali, Teresa Marzocchi in commissione – ho ascoltato tantissime opinioni, personalmente, e posso assicurare che si tratta di una scelta motivata. All’interno della nostra rete di servizi quel ruolo sarà svolto dai piccoli gruppi educativi”.
L’offerta contenuta nella nuova direttiva si fonda su quattro tipologie di servizi: i nidi tradizionali, i servizi integrativi, i servizi domiciliari con i piccoli gruppi integrativi e i servizi sperimentali. Per quanto riguarda i nidi tradizionali la direttiva inserisce alcuni elementi di flessibilità, come la rinuncia al limite massimo dei posti. Dal settembre 2015 sarà obbligatoria la laurea per esercitare la professione di educatore.
Dall’opposizione sono stati espressi dubbi sulla direttiva ed in particolare sulla rinuncia alle tagesmutter.

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna