16 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Dopo Caronte e Minosse in arrivo aria più fresca.

MeteoNazionale

11 luglio 2012, 09:58

Dopo Caronte e Minosse in arrivo aria più fresca.

Ben 41/43 °C sulle zone di pianura interna di Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna. Caldo considerevole anche sulle pianure delle regioni adriatiche del Centronord con ben 35/38 °C. Nel contempo i temporali inizieranno a divenire più frequenti al Nord, specie su Alpi, Prealpi e settori di medio-alta Val Padana. Tra sabato 14 e lunedì 16 luglio transito di un fronte instabile di origine Nordeuropea dal Nordest lungo le regioni adriatiche. Il clima diverrà più fresco ovunque fino all’inizio della terza decade di luglio.
Guarda anche il video MODELLI ECMWF Clicca qui –>

Dalle elaborazioni stagionali emessi fin dal mese di aprile e maggio avevamo parlato di 3 fiammate importanti per l’estate 2012, e così è stato. Malgrado la percentuale di attendibilità davvero bassa sulle elaborazioni stagionali (che si aggira attorno al 25/30%), dobbiamo ammettere che il nostro modello di riferimento ECMWF di Reading (UK) si è rivelato piuttosto attendibile, denotava infatti un surriscaldamento oltre la media proprio sull’Europa e sul Mediterraneo centro orientali. La piovosità e il clima più fresco invece sono stati confermati sui settori occidentali e settentrionali del continente. Dopo questa premessa veniamo all’evoluzione per l’Italia che attualmente si trova alle prese con il terzo anticiclone Nordafricano “Minosse”. Tra mercoledì e venerdì il picco di calore al Sud, sulle pianure delle regioni adriatiche e sulle isole maggiori. Spiccheranno i 41/43 °C toccati nelle pianure interne di Sardegna, Puglia, Basilicata e soprattutto Sicilia. Non saranno da meno il basso Lazio, l’Abruzzo e le Marche interne con 36/38 °C, e anche la Val Padana orientale soprattutto tra Romagna e basso Veneto con 34/36 °C. Meglio al Nordovest e in Toscana con qualche grado in meno ma comunque il clima risulterà pienamente estivo.

Eloquente la prima mappa che segue, ci mostra la campana anticiclonica elevata dal Nordafrica verso l’Europa e il Mediterraneo orientali con il Centrosud italiano e parte delle pianure del Nordest interessati dal gran caldo. La colorazione tra l’arancione marcato e il rosso vivo ci confermano un profilo termico che fino alla giornata di sabato 14 luglio si manterrà abbondantemente sopra la media stagionale, come indicato nel paragrafo sopra. I settori di pianura del Nordovest, le alte pianure del Triveneto e tutti i relativi rilievi vedranno invece un graduale aumento dell’instabilità per via del transito della coda delle perturbazioni atlantiche in transito oltralpe. Dunque rovesci e temporali che diverranno frequenti già entro il weekend e che potrebbero scivolare fin sull’Emilia Romagna, le Marche e lungo le restanti regioni centro-meridionali adriatiche. Nel contempo il clima si farà gradualmente più mite, specie dalla serata di sabato e poi tra domenica 15 e lunedì 16 luglio, su tutto il Paese. Il caldo resterà intenso fino a sabato solo al Sud e in Sicilia con punte di oltre 38 °C.

Situazione prevista per sabato 14 luglio

L’evoluzione per il lungo termine è palesata dalla mappa qui sotto, il gran caldo africano cesserà su tutto il Paese, anche al Sud e in Sicilia. La colorazione arancione che interessa tutta l’Italia ci conferma un profilo termico più mite, con caldo estivo sempre diffuso su tutto il Paese ma sicuramente sopportabile, previste temperature massime comprese tra 26 e 33 °C da Nord a Sud e qualche temporale sempre probabile su Alpi e Appennini ma temporaneamente anche sulle vicine aree di pianura e costa. E’ probabile che dagli inizi della terza decade di luglio si possa godere di qualche giorno in compagnia dell’alta pressione delle Azzorre, figura barica tanto amata da coloro che amano l’estate asciutta, con cieli sereni e limpidi ma dal caldo normale. Dobbiamo ammettere che questa figura barica latita ormai sul bacino del Mediterraneo e con sempre minor frequenza interviene nelle estati italiane, rispetto agli anni 80 e 90 dove era pressoché una consuetudine. Ma per i dettagli per la terza decade di luglio vi rimandiamo al prossimo aggiornamento.

Guarda anche il video MODELLI ECMWF Clicca qui –>

Situazione prevista per mercoledì 18 luglio

di Andrea Falcinelli

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454