giovedì 17 ottobre 2019
menu
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
ven 13 lug 2012 13:37 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Si vende meno ma si affitta di più. È il risultato della crisi che sta colpendo il mercato immobiliare in fortissima contrazione soprattutto in questo ultimo anno. Rimini non ne è esente e registra un calo delle vendite del 20 % circa. Se ancora regge, ma senza troppi entusiasmi, il settore lusso e le seconde case, in forte crisi è la cosiddetta fascia media, cioè gli acquirenti che con più difficoltà hanno accesso al credito. La conseguenza è una maggiore richiesta di affitto, sia per chi cercava casa, è non riesce ad ottenere un mutuo, sia per chi voleva vendere ma non trova acquirenti.

“Spesso chi voleva vendere e non ci riesce, decide di metterlo in affitto – afferma
Luciangela Paiano, presidente provinciale Fiaip Rimini – Chiaramente bisogna tenere i piedi per terra e considerare un aggiustamento congruo dei canoni di locazione. Sicuramente in questo momento le agenzie immobiliari fanno molti più affitti che vendite”.

Una crisi che ha un risvolto anche nel mondo del lavoro. Sempre meno i giovani che provano ad entrare nel mercato immobiliare come agenti, e sempre di più invece chi rinuncia all’iscrizione al collegio Fiaip. 95 gli associati l’anno scorso, 75 quest’anno. Un calo del 20% che comprende anche storici agenti immobiliari.

“Anche noi come associazione abbiamo perso degli associati proprio perché la gente fa fatica in questo momento a tirare fuori il costo dell’iscrizione – conferma Luciangela Paiano, presidente provinciale Fiaip Rimini – Non solo, in molti stanno pensando di chiudere proprio gli uffici e presumo che per la fine dell’anno qualche collega non sarà più presente sulla piazza”.

Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna