martedì 16 luglio 2019
menu
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 29 mag 2012 13:26 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Ancora crolli invece a Finale Emilia dove aumentano gli sfollati nei campi gestiti dalla Protezione Civile della Provincia di Rimini.

Subito dopo la scossa di magnitudo 5.8 avvertita questa mattina alle 9 anche nel riminese, nelle scuole i ragazzi sono stati fatti uscire nei cortili, in via precauzionale, come prevede la normale procedura e i protocolli di sicurezza. Ultimate le verifiche e verificato dai tecnici lo stato di sicurezza degli edifici, gli studenti sono regolarmente tornati nelle aule.

“La situazione nelle scuole è sotto controllo – spiega l’Assessore alla Pubblica Istruzione della Provincia di Rimini, Meris SoldatiI controlli effettuati non hanno riscontrato danni e hanno permesso ai ragazzi di ritornare in classe. L’appello che rivolgo a tutti in queste brutte occasioni è quello di non creare allarmismi o generare tensione, perché abbiamo ricevuto dai controlli effettuati tutte le garanzie di sicurezza necessarie”

Gli aggiornamenti della Protezione Civile della Provincia di Rimini impegnata sul campo a Finale Emilia (MO), parlano invece di nuovi ed ingenti danni provocati dall’ultima forte scossa, alle quali ne stanno succedendo di nuove più lievi, sia nelle abitazioni che negli stabilimenti produttivi.
A Cavezzo, sempre nel modenese, dove è situata la cucina da campo della nostra Protezione Civile, la scossa ha avuto purtroppo un forte impatto, e al momento risultano persone intrappolate sotto le macerie.
Si segnalano nuovi crolli, edifici danneggiati, tubature rotte e grande paura e tensione tra la popolazione che stanno rendendo ancora più difficile il lavoro di gestione dei sei campi di accoglienza gestiti dalla Protezione Civile di Rimini .

“Si riparte drammaticamente da zero – spiega Mario Galasso, Assessore alla Protezione Civile della Provincia di Rimini – tutte le verifiche strutturali compiute fino ad oggi non valgono più e va completamente rifatto tutto il lavoro di mappatura dei danni e dei rischi. La nuova scossa è stata devastante e ci obbliga anche a ripensare l’organizzazione dei campi, che dovranno gestire nuovi arrivi di sfollati, ancora da quantificare. Siamo con i nostri funzionari e volontari in prima linea, senza orari, senza turni, con il massimo impegno e sforzo, sia umano che tecnico.”

la Provincia di Rimini e il Comune di Rimini, già la scorsa settimana, hanno aperto un conto corrente presso la “Banca Carim – Cassa di Risparmio di Rimini”, filiale 2 Corso d’Augusto, per raccogliere fondi da destinare all’emergenza terremoto in Emilia.

Il numero di conto corrente è IT 45 V06285 24202 CC0028006630, intestato a Protezione Civile – Provincia di Rimini. Si prega di specificare, in sede di versamento, la causale “Terremoto Emilia”.

Altre notizie
di Andrea Polazzi
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna