giovedì 17 gennaio 2019
di    
lettura: 3 minuti
sab 26 mag 2012 08:44 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
3 min
Print Friendly, PDF & Email

La prima sfida del derby con il Godo si conferma stregata per i Pirati che, dopo aver già dovuto piegare le ginocchia nella sfida di andata, si vedono costretti a incassare un’altra sconfitta, questa volta ben più larga rispetto allo stretto 1-0 del “Casadio” -si legge sul sito ufficiale dei Pirati-.

Sul diamante riminese, infatti, i Knights la spuntano nel primo appuntamento della serie per 7-3, basando gran parte del proprio successo sul big inning da quattro punti al sesto che ha, di fatto, deciso la partita. Questo perché, dopo essere riusciti a rintuzzare i primi due tentativi di fuga degli ospiti tra la seconda e la terza ripresa, una volta finiti pesantemente sotto nel punteggio, i neroarancio non hanno più trovato la forza di reagire, tanto da concludere a zero gli ultimi sei assalti.

In una serata in cui ha girato praticamente tutto storto, i Pirati hanno pagato innanzitutto la brutta prestazione di Cruceta, apparso molto lontano dalle giornate migliori (ip 5.1 h 8 bb 0 so 8 er 5). A dire il vero, però, il partente ex Major non è stato per nulla aiutato dalla difesa, che si è resa protagonista di tre brutti errori, di cui due decisivi nel famigerato sesto inning.

Non meglio è andato poi il line up, capace di battere soltanto sei valide contro l’accoppiata Mejias-Pinango. Di Chiarini e Suardi (2/4 per entrambi con un rbi), comunque, le prove migliori.

L’unica consolazione per i neroarancio è arriva così da Marcos Tabata, autore di un ottimo rilievo (ip 3.2 so 6).

Domani pomeriggio i Pirati cercheranno un immediato riscatto in garadue, con Marquez impegnato sul monte (play ball alle 16.30). In serata, invece, toccherà a Corradini salire in pedana.

La cronaca:

Fuzzi apre la sfida con un triplo lungo la linea del foul di destra e viene subito spinto a casa dalla rimbalzante di Tanesini (1-0). Dopo l’errore di Chaves su Sanchez, Cruceta evita quindi guai peggiori con le facili eliminazioni su Gonzalez e Naldoni.

Al secondo, però, il partente neroarancio è costretto a capitolare nuovamente: con due out, infatti, Bucchi batte valido e Gerali lo manda a punto con un doppio a destra (2-0). Un lancio pazzo complica ancor di più la situazione, ma Cruceta è bravo nel lasciare Fuzzi al piatto. Al cambio di campo, comunque, arriva la replica dei neroarancio, con Chiarini che trova la prima valida riminese e Angrisano che riceve quattro ball da Mejias. Dopo una duplice rubata, il singolo di Suardi dimezza lo svantaggio (2-1), con la volata di Crociati che rimette poi la sfida in parità (2-2).

Un equilibrio destinato però a durare pochissimo, se è vero che, nella ripresa successiva, Sanchez spedisce il lancio di Cruceta fuori dal muro di destra per il solo homer del 3-2. Ancora una volta, comunque, i Pirati replicano all’istante, con Chaves che, nella parte bassa del terzo, riceve quattro ball e Persichina che batte valido. Dopo l’out sul tentativo di rubata dello stesso Persichina e il “k” su Maza, ci pensa Chiarini con un singolo interno a siglare il 3 pari.

Dopodiché non accade più nulla fino al sesto, quando il Godo rimette il muso avanti, piazzando il big inning che indirizza definitivamente la sfida: le valide consecutive di Gonzalez e Naldoni, unite all’errore di Persichina (che non trattiene l’assistenza di Chaves sulla battuta di Schwartz), occupano infatti tutti i cuscini, con il singolo di Rubboli che, seguito da un’incertezza di Suardi, significa 6-3. Ma non è finita qui, perché il doppio a sinistra di Bucchi, oltre a siglare il 7-3, mette anche fine alla prova di Cruceta, rilevato da Tabata, che riesce almeno a tamponare l’emorragia.

Sul fronte opposto, invece, dopo aver incassato ben 10 eliminazioni consecutive, i Pirati tornano a occupare il cuscino di prima al settimo, quando è la valida di Suardi a spezzare il digiuno. Mejias però non si lascia impressionare e riprende a macinare out, vanificando qualsiasi proposito di rimonta. Al resto pensa poi Pinango che, nell’inning successivo, dopo aver concesso quattro ball a Persichina, costringe Maza a battere in doppio gioco. All’ultimo assalto, infine, Angrisano batte un doppio a destra ma, ancora una volta, i riminesi non riescono ad affondare il colpo, chinandosi definitivamente al successo dei Knights.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna