martedì 25 giugno 2019
menu
In foto: Gli architetti tornano a chiedere più tempo per presentare le osservazioni a Psc e Rue. Intanto, fino al 30 giugno, tempo previsto per la scadenza, il Comune ha aperto una sala dove i cittadini possono prendere visione di Psc e Rue, porre domande e presentare le osservazioni. I quesiti più ricorrenti riguardano le ristrutturazioni: in particolare la nuova possibilità di frammentazione degli appartamenti in centro storico.
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 8 giu 2011 16:41 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Se il tema, come comprensibile, è piuttosto tecnico, non si presentano solo i tecnici alla sala aperta in via Rosaspina dal Comune per far prendere visione ai cittadini delle novità introdotte da Psc e Rue. In nove giorni sono state 125 – per una media di 13- 14 al giorno – le persone che qui sono entrate per chiedere un’informazione sui nuovi Psc e Rue: la metà sono privati cittadini. Possono sembrare poche persone, ma bisogna considerare che la sala è aperta per due ore per due mattine a settimana più un pomeriggio, e che la posizione dell’ufficio non è centralissima. Ma cosa chiedono soprattutto i cittadini? Spiega l’Architetto Alberto Fattori, dirigente del Comune di Rimini e uno degli artefici del nuovo Rue: “Aiutiamo i cittadini a capire quali sono le nuove possibilità per ristrutturare, ampliare, o costruire secondo le nuove regole. C’è una particolare attenzione per il comparto turistico e per il centro storico. Una delle novità più importanti attraverso il Rue è il fatto che finalmente si consente il frazionamento delle unità immobiliari. Questo consentirà di dare uno stop a uno dei motivi dello spopolamento del centro storico: ovvero il fatto che gli appartamenti sono molto ampi e i costi di ristrutturazione alti. In questo modo si favorirà l’arrivo in centro di nuove famiglie, giovani coppie e studenti”.

C’è poi tutto il tema degli incentivi per la riqualifica per la sicurezza sismica e per il miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici. Di stringente attualità il tema dei gazebo con l’autorizzazione in base a un vecchio regolamento comunale, ma ora sigillati. I sigilli, qualche giorno fa, al maxi gazebo di un hotel di Marina centro che pure per la struttura aveva l’autorizzazione, avevano portato gli albergatori a chiedere incontri chiarificatori al Comune sul Rue. Su questo spiega l’assessore Fattori: “La normativa sul tema è chiara. Il fatto è che le autorizzazioni in passato sono state rilasciate in base a un vecchio regolamento comunale. Adesso siamo in un periodo di salvagurdia. Vige sia il piano regolatore, ma ci sono i nuovi regolamenti da rispettare: vale la norma più restrittiva. La normativa di Rue è intervenuta e d’ora in avanti chi vorrà chiedere autorizzazioni per gazebo e tende dovrà rispettare il Rue. Caso diverso per le strutture già realizzate sulla base delle autorizzazioni precedenti. Quella è una cosa particolare, da esaminare caso per caso, situazione per situazione”.

C’è tempo fino al 30 giugno per presentare le famose osservazioni a Psc e Rue. In teoria. Sì perchè le categorie, dopo l’elezione del nuovo sindaco, stanno continuando a chiedere una proroga per la presentazione delle osservazioni, dai 60 giorni previsti ad almeno 120. Lo ribadisce anche oggi il presidente dell’ordine degli architetti Ricci: ritenendo necessario più tempo per il confronto, vista anche l’approvazione, dice, avvenuta in tempi molto brevi.

(NewsRimini.it)

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
di Andrea Polazzi
Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna