domenica 16 dicembre 2018
In foto: Domani e lunedì si vota per i referendum su acqua, nucleare e legittimo impedimento. 248.946 gli elettori chiamati alle urne in provincia di Rimini.
di    
lettura: 1 minuto
sab 11 giu 2011 14:13 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Sono 248.946 i cittadini della provincia di Rimini che domani e lunedì potranno votare per i referendum.

Quasi la metà, 107.964, risiedono nel comune capoluogo. Tra questi, la più anziana è una signora di 103 anni, i più giovani un ragazzo e una ragazza che compiranno 18 anni il 12 giugno.
Tra i residenti all’estero, 23 rientreranno in Italia per votare, mentre 3.033 hanno scelto di farlo per corrispondenza.

I seggi saranno aperti domenica dalle 8 alle 22 e lunedì dalle 7 alle 15.
Le operazioni di scrutinio avranno inizio subito dopo la chiusura della votazione e l’accertamento del numero dei votanti per ciascun quesito.

Perchè il referendum sia valido, infatti, deve votare il 50% + 1 degli aventi diritto. Il quorum è fissato a 25 milioni 209.346 votanti.

All’elettore saranno consegnate quattro schede: la prima di colore rosso sulla privatizzazione dei servizi di fornitura dell’acqua, la seconda di colore giallo sulla determinazione delle tariffe del servizio idrico, la terza di colore grigio sul nucleare e la quarta di colore verde sul legittimo impedimento. Vota sì chi vuole abrogare le norme sottoposte a referendum. Vota No chi vuole mantenerle in vigore.

È possibile ritirare, e quindi votare, anche solamente la scheda per uno o alcuni dei referendum. Il quorum andrà raggiunto su ogni singolo quesito.

Per votare è necessario un documento d’identità valido e la tessera elettorale. Chi l’avesse persa può ritirarla presso gli uffici elettorali del proprio comune che saranno aperti nello stesso orario dei seggi.

(Newsrimini.it)

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna