venerdì 14 dicembre 2018
In foto: I piloti della Moto2 hanno dovuto fare i conti con un asfalto bagnato e insidioso che ha causato non poche cadute permettendo a solo 25 piloti di sfilare sotto la bandiera a scacchi. Tra i costretti al ritiro anche Alex De Angelis, uscito di scena a sette giri dalla fine.
di    
lettura: 1 minuto
lun 13 giu 2011 09:13 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto 11
Print Friendly, PDF & Email

Che il sesto appuntamento mondiale per il sammarinese del Team Jir non sarebbe stato una passeggiata si era già visto alla prima curva, quando è stato spinto fuori pista da un avversario -si legge in una nota-.

Alex è subito rientrato ma in posizioni arretrate dalle quali era difficile risalire per via della tanta acqua presente sul tracciato e la pessima visuale. Dopo aver risalito diverse posizione, Alex è poi incappato in un scivolata nel tentativo di mantenere la posizione appena guadagnata con un sorpasso. Rientrato in pista ma lontano dalla zona punti, Alex ha preferito non rischiare ulteriormente e fare ritorno ai box.

Si chiude quindi con un ritiro un week end non facile ma l’occasione per riscattarsi è vicina. Dal 23 al 25 giugno ci sarà infatti il Gp di Portogallo sullo storico tracciato di Assen.

Alex De Angelis (ritiro): “Questa mattina nel warm up sono andato abbastanza bene quindi speravo di fare una bella gara. Purtroppo ha preso subito una brutta piega perchè, alla prima curva, un altro pilota mi ha sportellato e sono finito fuori. Sono rientrato ma avevo perso tantissime posizioni ed era tanto difficile recuperare, perchè i piloti davanti a me alzavano tantissima acqua ed era impossibile vedere. Poi ho cominciato a rimontare ma dopo un sorpasso sono rimasto molto interno per non farmi superare nuovamente e, quando ho aperto il gas, ero probabilmente fuori traiettoria e sono scivolato. Sono ripartito e ho fatto qualche giro ma ero veramente troppo indietro e lontanissimo dalla zona punti così ho deciso di tornare ai box”

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna