mercoledì 20 febbraio 2019
In foto: Di certo, da poche ore, si sa che il cetriolo non c'entra e che la nuova variante del batterio escherichia coli è contagiosa e più aggressiva di altri ceppi ma, sull'origine dell'infezione, ancora nulla. L'OMS aspetta i risultati delle analisi dal centro europeo di prevenzione delle malattie di Stoccolma, mentre l'infezione partita da Amburgo, ha già ucciso 18 persone.
di    
lettura: 1 minuto
ven 3 giu 2011 17:23 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

17 in Germania e una in Svezia. 1.600 i contagi certificati. Gli ortaggi sono solo ipotesi, la fonte infatti potrebbe essere anche animale, visto che i batteri dannosi si sviluppano nell’intestino di bovini o suini. Le verdure potrebbero essere dunque state infettate attraverso il letame usato come concime. Intanto la Russia ha imposto l’embargo totale ai prodotti europei e Spagna e Portogallo vogliono chiedere un risarcimento danni ai tedeschi. Cia e Confagricoltura di Rimini oggi hanno chiesto alle istituzioni locali di intervenire chiedendo all’Unione Europea di chiarire la situazione e ricordano che i controlli sulle produzioni nostrane sono rigidi. I prodotti riminesi rientrano nella tipologia della ‘filiera corta’ e del ‘mercato di prossimità’ sono sicuri e garantiti dall’etichetta di origine, obbligatoria. Tuttavia, le precauzioni restano le stesse di sempre, anche prima dell’allarme batterio: sbucciare e lavare bene frutta e verdura o, preferibilmente, consumarla cotta.

nella foto: il batterio escherichia coli

Notizie correlate
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna