giovedì 13 dicembre 2018
In foto: Parma sconfitto per 6-4. Marquez lanciatore vincente e fuoricampo di Chaves.
di    
lettura: 3 minuti
sab 18 giu 2011 10:28 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
3 min 6
Print Friendly, PDF & Email

La rivincita, come sempre, arriva puntuale in garadue, con i Pirati che vendicano il “cappotto” subìto giovedì sera e sbancano il “Cavalli” di Parma per 6-4. Il successo della Telemarket non può che avere le proprie basi, solidissime, nei lanci mancini di Enorbel Marquez, sempre più una certezza per il bull pen riminese in questo 2011 – si legge sul sito ufficiale dei neroarancio -. Il partente nativo di Cuba, giunto al settimo sigillo stagionale, si è disimpegnato infatti alla grande nelle sei riprese in cui è stato chiamato in causa (h 4, bb 2, so 2, er 2), patendo solo qualche problema all’inizio e lasciando poi letteralmente le briciole all’attacco parmigiano, costretto a incassare ben dieci out consecutivi tra il secondo e il sesto inning. Al resto ha quindi pensato Pete Sikaras che, nelle tre riprese lanciate, ha ottenuto la prima salvezza stagionale per i Pirati, seppur con qualche brivido nel finale, quando il Cariparma ha tentato, per fortuna soltanto sfiorandola, una clamorosa rimonta.

Sul fronte offensivo, invece, in un line up che ha battuto complessivamente 10 valide, la parte del leone l’hanno fatta Chaves, Chiarini e Phelps, tutti e tre con un paio di “hit” a testa. Per l’interbase hawaiano dei Pirati, anche la soddisfazione del fuoricampo da due punti che, all’ottavo, ha dato la svolta decisiva alla partita (secondo homer in campionato per Chaves).

Con la serie tornata in parità, domani sera, sempre nella tana dei campioni d’Italia, andrà in scena garatre, con il duello sul monte tra Patrone e Corradini.

La cronaca
Proprio come accaduto nella sfida inaugurale, anche in garadue il Parma passa in vantaggio subito in apertura, con Desimoni che batte un singolo interno e guadagna il cuscino di seconda sulla successiva assistenza errata di Chaves. La valida di Dallospedale vale così l’immediato 1-0.

Al cambio di campo, però, arriva immediata la replica dei Pirati (ancora privi dell’acciaccato Spinelli), con Phelps che viene graziato dall’errore di Sambucci, mentre il doppio al centro di Nelson mette due uomini in zona punto. Dopo l’out in zona di foul su De Biase, ci pensa Crociati con un singolo a firmare il pareggio (1-1). Il sorpasso è quindi opera di Babini, la cui rimbalzante confeziona il 2-1.

Un vantaggio che, però, dura davvero poco, se è vero che, nella parte bassa del secondo, i padroni di casa rimettono subito la gara in equilibrio, con Marquez che regala il passaggio in base gratuito sia a Sambucci che a Bertagnon prima che un’altra valida interna di Desimoni confezioni il pareggio (2-2). Rimini comunque non ci sta e nell’inning successivo torna a comandare, con i singoli di Phelps e Chiarini che, uniti ai quattro ball a Nelson, occupano tutti i sacchetti. La base concessa da Burlea a De Biase spinge così a casa il punto del 3-2 automatico.

E se al quinto è il doppio gioco su Nelson a frenare le ambizioni dei neroarancio, una ripresa più tardi la valida iniziale di De Biase mette fine alla prova di Burlea, rilevato da Cicatello, con l’italo-americano del Parma che svolge appieno il proprio compito ottenendo tre facili out. Sul fronte opposto, invece, il drag bunt di Medina spezza una striscia di dieci eliminazioni consecutive di Marquez, che poi limita i danni anche grazie alla preziosa collaborazione della difesa (provvidenziale colto rubando di Baccelli).

E così, al settimo, sono i Pirati ad allungare, con Chaves che riceve quattro ball e avanza di un cuscino sulla battuta interna di Santolupo. La valida a destra di Chiarini vale quindi il 4-2, anche perché sull’assistenza a casa base di Medina, Bertagnon perde la palla. Un inning più tardi, poi, i Pirati ipotecano il successo grazie a Brandon Chaves, che spedisce il lancio di Cicatello fuori dalla recinzione di destra per il fuoricampo del 6-2 (a casa anche Baccelli, in base su scelta difesa dopo il singolo interno di Babini).

Le ultime emozioni della gara arrivano quindi nella parte bassa del nono, quando il doppio a destra di Medina e la valida di Munoz siglano il 6-3. Ma non è finita qui, perché pure Zileri batte un singolo e, dopo lo strike out su Sambucci, la valida di Bertagnon (sulla quale Santolupo tenta inutilmente di cogliere la palla in tuffo) valgono il 6-4. Sikaras però non trema e lascia Scalera al piatto per la terza, fondamentale eliminazione.

(nella foto, Enorbel Marquez)

Altre notizie
di Roberto Bonfantini
di Icaro Sport
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL METEO