venerdì 18 gennaio 2019
In foto: L'Assessorato alle Politiche Educative e Scolastiche del Comune di Rimini, al termine dei 6 mesi di elaborazione, ha rifinanziato il progetto per il "Sistema Integrato di Gestione delle Eccedenze Alimentari".
di    
lettura: 1 minuto
ven 15 apr 2011 14:51 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Si tratta di un progetto per il recupero di eccedenze alimentari nelle strutture turistiche e nella ristorazione collettiva. Il progetto integra le esperienze di recupero già esistenti, nel rispetto totale delle normative igienico-sanitarie, con la possibilità per le imprese di contare su detrazioni fiscali e sconti sulla tariffa ambientale, grazie alla collaborazione che l’Amministrazione Comunale ha avviato con Hera SpA.
L’intento è ora quello di realizzare a Rimini un modello di recupero efficace da proporre ed estendere ad altri Enti di beneficenza del territorio che si occupano di offrire cibo ed assistenza a chi si trova in condizione di forte disagio sociale.

SIGEA, progetto elaborato da un giovane laureando riminese – già socio dell’Associazione Nuove Generazioni – è nato grazie alle agevolazioni previste dal Consorzio Spinner, occasione con cui Confcooperative ha potuto svilupparlo nell’ambito della Cooperativa Madonna della Carità. Questo progetto, ha da subito raccolto l’attenzione entusiasta dell’Associazione Nuove Generazioni, di Figli del Mondo e dell’Assessorato alle Politiche Educative e Scolastiche del Comune di Rimini che al termine dei 6 mesi di elaborazione ha così rifinanziato il progetto presentato, con un bando che ha visto l’ingresso in partnership dell’Opera S. Antonio per i Poveri.

Notizie correlate
di Silvia Sanchini
corso di formazione per docenti

Educazione alla Cittadinanza Globale

di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna