giovedì 24 gennaio 2019
In foto: "La direttiva è stata attuata poiché nonostante la richiesta da parte dell’A.C. Rimini 1912 ai propri tifosi, di non seguire la squadra a Teramo, uno sparuto gruppo di persone, riconosciute dalle autorità come tifosi del Rimini è stato fermato per fatti relativi all’ordine pubblico" si legge in una nota dell'AC Rimini 1912.
di    
lettura: 1 minuto
mer 6 apr 2011 17:04 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

La società A.C. Rimini 1912 comunica – in una nota – ai propri tifosi che la decisione del CASMS relativa alla chiusura del settore ospiti dello stadio di Civitanova Marche in occasione di Civitanovese-Rimini di domenica 10 aprile 2011 e
il divieto di vendere tagliandi ai residenti nella provincia di Rimini, è stata confermata dalla prefettura di Macerata, che ha così attuato la direttiva del Comitato di Analisi per la Sicurezza delle Manifestazioni Sportive.

La direttiva è stata attuata poiché nonostante la richiesta da parte dell’A.C. Rimini 1912 ai propri tifosi, di non seguire la squadra a Teramo, uno sparuto gruppo di persone, riconosciute dalle autorità come tifosi del Rimini è stato fermato per fatti relativi all’ordine pubblico.

Nonostante le sollecitazioni attuate dalla società, dunque, il provvedimento restrittivo nei confronti dei tifosi riminesi rimane in vigore.

La società è fortemente dispiaciuta poiché a cause di poche persone, tutta la città di Rimini, i tifosi e la squadra stessa saranno penalizzati.

Altre notizie
di Icaro Sport