martedì 22 gennaio 2019
In foto: Appena sei le valide battute dai Pirati. Sul monte la sconfitta è andata a Marquez. Questa sera alle 19,30 sul diamante riminese si gioca garatre.
di    
lettura: 2 minuti
sab 23 apr 2011 08:30 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Non cambia molto il copione rispetto alla sfida di giovedì sera e così la Telemarket è costretta a capitolare al Parma anche in garadue – si legge sul sito ufficiale della società neroarancio -. Allo stadio dei Pirati, i campioni d’Italia si impongono infatti per 4-1, con il line up neroarancio che, proprio come accaduto nella partita inaugurale, ha faticato tantissimo a trovare le misure ai lanci dei pitcher emiliani (appena sei le valide battute contro il duo Burlea-Grifantini) e sprecato le poche occasioni avute. I migliori, nel box riminese, sono stati comunque Santolupo e Nelson con un paio di valide a testa. Sul monte, la sconfitta è andata invece a un Marquez non sempre sostenuto dalla difesa e da una decisione arbitrale che, nel corso del quinto inning, ha lasciato parecchie perplessità. Dopo il partente cubano-tedesco (ip 4.2 h 7 bb 0 so 2 er 3), è toccato quindi a Sikaras (ip 3.1 h 3 bb 4 so 3 er 1) e Rehacek (ip 1.0 h 1 bb 2).
Questa sera alle 19.30 la Telemarket sarà chiamata a salvare almeno in parte la serie nell’ultima gara del trittico: sul monte, sfida tra Patrone e Corradini.
La cronaca
A frenare le ambizioni neroarancio nei primi due attacchi sono altrettanti colti rubando, con Chaves che, dopo aver ricevuto quattro ball da Burlea subito in apertura, è preda del felice pick off del partente parmigiano, e Nelson che, dopo aver battuto un singolo interno, viene eliminato dalla coppia Bertagnon-Yepez nell’inning successivo.
E se al terzo è provvidenziale per i Pirati il doppio gioco su Scalera, una ripresa più tardi è la stessa Telemarket a regalare di fatto il vantaggio agli ospiti: dopo aver battuto valido, infatti, Medina ruba la seconda, guadagna un cuscino su lancio pazzo e va a siglare l’1-0 grazie all’errore di Babini su Sambucci. Un altro doppio gioco, questa volta su Munoz, evita quindi ulteriori affanni a Marquez. Rimini non si salva però al quinto, con i singoli di Yepez e Zileri (poi colto fuori base) che occupano gli angoli. La valida di Bertagnon, con gli interni riminesi a difendere molto “corto”, vale così il 2-0. Ma non è finita qui, perché pure Desimoni batte valido, mentre sulla rimbalzante di Dallospedale Nelson tenta di completare da solo l’out in terza, senza riuscirci (almeno secondo gli arbitri, con tutto il dug out neroarancio a protestare). Con le basi cariche, Olenberger si affida quindi a Sikaras, che non può però evitare la valida interna di Medina per il tris parmigiano.
Nell’inning successivo, il Cariparma rischia di allungare ancora ma, con tutti i cuscini occupati, Sikaras si salva lasciando Scalera al piatto. Al cambio di campo, sono invece i Pirati a sprecare, con la corta volata di Nelson su Scalera che vanifica i singoli di Santolupo e Phelps.
Chi non fa più sconti, al contrario, sono gli ospiti che, all’ottavo, ottengono il quarto punto grazie alla base a Zileri e, soprattutto, al lungo doppio al centro di Bertagnon (4-0). Dall’altra parte, dopo 14 inning consecutivi senza punti, l’attacco riminese riesce finalmente a sbloccarsi, con il neo entrato Grifantini che concede subito quattro ball a Chaves e poi subisce il singolo di Santolupo che occupa gli angoli. La sfortunata linea di Chiarini finisce dritta nel guanto di Yepez e allora ci vuole la rimbalzante di Phelps per siglare quello che si rivela il definitivo 4-1.

(nella foto, Enorbel Marquez)

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna