martedì 17 settembre 2019
menu
In foto: Sono almeno otto i morti nell'attacco alla sede delle Nazioni Unite a Mazar-i-Sharif, secondo quanto dice la polizia afghana. Due delle vittime sono state decapitate.
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
ven 1 apr 2011 18:56 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

L’attacco è partito durante le proteste per il recente rogo del Corano in Usa. Il comandante locale, Lal Mohammad Ahamdzai, ha detto all’agenzia di stampa afghana Pajhwok che i dimostranti avevano sfilato per le strade della città per protestare contro l’incendio di un Corano negli Usa, ed hanno lanciato pietre contro l’edificio dell’Unama, prima di farvi irruzione.

Oltre alle vittime, si è infine appreso, vi sono anche moltissimi feriti. Non esiste ancora una versione ufficiale definitiva sulla nazionalità delle vittime, ma sembra certo che fra di esse vi siano alcuni cittadini stranieri dipendenti dell’Onu. Illesa l’italiana, fa sapere la Farnesina. Fonti dell’amministrazione locale hanno riferito che anche alcuni afghani sono morti nell’incidente. Fazlullah Sadat, membro di una organizzazione internazionale operante a Mazar-i-Sharif ha detto all’ANSA che la polizia ha isolato l’area dell’attacco, dove sono stati ascoltati nitidamente colpi d’arma da fuoco.

Una fonte locale afghana ha detto che alcuni talebani armati si sono mescolati ai manifestanti che hanno assaltato la sede dell’Onu a Mazar-i-Sharif, nel nord dell’Afghanistan, facendo almeno otto morti. I talebani, ha detto la fonte, sono entrati in azione con le armi che nascondevano indosso quando il corteo è giunto davanti alla sede dell’Onu.(ANSA)

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
di Simona Mulazzani   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna