Indietro
menu
Rimini Turismo

Rusticali a Tempo Reale: 'Non siederò più a un tavolo coi riminesi'

In foto: E' stato ufficializzato ieri sera il passaggio di Wind Jet da Forlì a Rimini. E la guerra tra gli aeroporti dunque è ufficiale. Con uno strascico di terremoto politico a Forlì. Che ora minaccia: basta allora con l'Area Vasta.
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 23 nov 2010 09:18 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Una notizia, quella del passaggio ufficiale della compagnia di Catania a Rimini, salutata naturalmente con piacere a Rimini. E il presidente di Aeradria Masini si sbilancia, spiegando che, se per quest’anno si punta ai 550mila passeggeri, d’ora in poi l’obiettivo sarà superare il milione di passeggeri.

A Forlì si è scatenato un terremoto politico: il sindaco Roberto Balzani è stato contestato in consiglio comunale. L’assessore Regionale ai Trasporti Peri ha convocato un incontro tra i sindaci di Rimini e Forlì e i rispettivi presidenti di Provincia.

Intanto però poco fa, ai microfoni della trasmissione di Radio Icaro Tempo Reale, è intervenuto Franco Rusticali, il presidente di Seaf, la società che gestisce il Ridollfi di Forlì. “E’ un vero colpo di mano, si tratta non di un’azione di mercato, ma di una vigliaccata. Si porta via a un aeroporto vicino una compagnia, proprio mentre la Regione cerca di creare una rete degli aeroporti. Per quanto mi riguarda non siederò mai più a un tavolo coi riminesi”. “Per quel che riguarda la cifra dell’operazione” ha aggiunto il presidente “non la conosco, ma sono certo che si tratta di una cifra importante”. “Non escludo di dimettermi prima della fine del mio mandato (che scade a aprile ndr)”. E sul buco di 400mila passeggeri che si aprirà con la dipartita di Wind Jet dice: “lo colmeremo. Da quando perdemmo Ryanair abbiamo capito che non dobbiamo puntare solo su una compagnia”.

Notizie correlate
di Redazione