Indietro
menu
Politica Rimini

Primarie al veleno: Pazzaglia lascia e parla di disegni già stabiliti

In foto: Il cammino verso le primarie del centrosinistra inizia in modo turbolento. Fabio Pazzaglia, entrato in extremis nella rosa dei candidati, lascia subito la competizione.
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 1 nov 2010 16:14 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Lo fa con una lettera al presidente provinciale del PD Lino Gobbi, in cui annuncia la sua rottura definitiva con il partito e lancia accuse di disegni già prestabiliti dalle gerarchie. Pazzaglia lamenta l’incoerenza da parte di chi ha condiviso battaglie con lui, come quella del Novelli, ma firma per altri. Ma lancia anche accuse più pesanti, come la distribuzione di tessere in questi giorni per sottoscrivere candidature che non sono la sua.
Tiziano Arlotti, a sua volta, prende le distanze dalle insinuazioni di accordi sotterranei e dichiara la massima fedeltà alle norme di autodisciplina previste pubblicate dal direttivo comunale.
Le prime scaramucce alcuni giorni fa, quando la parlamentare Marchioni si è espressa a favore di un tandem Gnassi-Arlotti, con immediata reazione dell’altro candidato, Fabbri.