Indietro
menu
Ambiente Provincia

Erosione. Pironi a Tempo Reale: regione si impegna, pontile non è problema

In foto: Questa mattina si è riunito a Rimini il tavolo tecnico istituzionale tra regione e comuni costieri per discutere della difesa dell'arenile. Un tavolo fortemente scaturito dall'accordo siglato a giugno a Riccione.
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 3 nov 2010 14:49 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“Erosione e difesa della costa – attacca il sindaco di Riccione, Massimo Pironi, intervenuto alla trasmissione Tempo Reale (Radio Icaro-Icaro Tv) – sono temi fondamentali per la nostra economia e vanno affrontati senza campanilismi ma con una strategia organica tra i comuni. Sappiamo che il tema erosione non è risolvibile ma governabile si.”
Il primo cittadino risponde anche a chi ritiene che la regione, presente oggi all’incontro con l’assessore alla difesa del suolo Paola Gazzolo, non si impegni abbastanza sul tema. “Da quando le competenze sulla difesa dell’arenile sono passate alla regione – spiega Pironi – non solo sono stati investiti vari milioni di euro per la lotta all’erosione ma si è cercato di affrontare in modo scientifico il tema con soluzioni sostenibili ambientalmente ed eventualmente reversibili. Questo ci ha permesso di salvaguardare le nostre spiagge, di avere un paesaggio pulito e senza scogliere e avere un’acqua di qualità”.
“La regione – prosegue il primo cittadino – ci ha poi finanziato gli interventi di recupero e ripristino della barriera soffolta già presente oltre al ripascimento. La regione c’è, è chiaro però che va incalzata e noi lo faremo. Serve però anche un indirizzo unitario tra i singoli comuni.”
Ultimo capitolo il progetto del pontile davanti a piazzale Roma. Secondo alcuni potrebbe infatti avere effetti deleteri sull’arenile. “Se solo ci fosse stato il pericolo di erosione – chiarisce Pironi – a quella struttura non avremmo messo mano. Invece tutti gli studi ad hoc che abbiamo commissionato ci hanno dato ampie rassicurazioni. Abbiamo comunque deciso di lasciare il tempo anche agli operatori di verificarlo.”

Notizie correlate
di Redazione   
FOTO
di Redazione   
di Redazione