mercoledì 23 gennaio 2019
In foto: Il presidente della Granarolo, Giampiero Calzolari, è stato iscritto nel registro degli indagati della procura di Torino in uno dei procedimenti aperti dal pm Raffaele Guariniello e dai suoi collaboratori sul fenomeno delle mozzarelle blu.
di    
lettura: 1 minuto
ven 6 ago 2010 19:18 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Non si conoscono le ipotesi di reato. Gli inquirenti starebbero esaminando la posizione di altri dirigenti per valutare analoghe iniziative. Il magistrato aveva cominciato ad interessarsi alla grande azienda alimentare bolognese dopo il ritrovamento di due mozzarelle, vendute in un supermercato di Rivoli (Torino), che dopo l’apertura della confezione hanno assunto una colorazione bluastra. L’avvocato Luca Sirotti, che assiste Calzolari, osserva che “tutti i controlli sul lotto in questione, svolti sia in sede amministrativa che in sede giudiziaria, non hanno portato alla luce irregolarità riconducibili all’azienda”. “I prodotti Granarolo – afferma ancora il legale – sono risultati perfetti”. Le analisi dei carabinieri del Nas di Bologna, ultimate il 28 luglio, avevano dato esito negativo. Guariniello, a Torino, comunque, ha deciso di proseguire gli accertamenti anche perché gli esiti dei sopralluoghi della propria polizia giudiziaria hanno portato alla raccolta di elementi considerati molto utili alle indagini non solo sulla casa di Bologna, ma anche, indirettamente, sulla Jaeger, la ditta tedesca alla quale è stata ricondotta l’origine delle mozzarelle “blu” sequestrate dai Nas in varie località italiane.

“Non siamo affatto sorpresi. Si tratta di un’iscrizione d’ufficiò” questo il commento di Gianpiero Calzolari. (ANSA)

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna