martedì 15 gennaio 2019
In foto: Dopo le aziende, ora le banche lasciano la Repubblica di San Marino. Tocca alla Unicredit, che starebbe per uscire dalla compagine azionaria della Banca Agricola Commerciale.
di    
lettura: 1 minuto
mar 3 ago 2010 14:59 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Piani industriali e salvaguardia dei posti di lavoro sono stati al centro, questa mattina, di un incontro tra il Segretario alle Finanze, i segretari della Federazione Servizi CSU, Gianluigi Giardinieri e Alfredo Zonzini, e i rappresentati sindacali dell’istituto di credito.

Secondo la Rsu,la rescissione da Unicredit, una partecipazione con un gruppo bancario di dimensioni internazionali, sarebbe una perdita rilevante per l’intero “sistema San Marino”. “Qualora – si legge nella nota – le scelte del Gruppo Unicredit siano ormai ineluttabili, è stato chiesto al Segretario alle Finanze e, suo tramite al Governo, di vigilare affinché il patrimonio della Banca composto dai suoi 102 dipendenti, dalle migliaia di clienti e da 90 anni di storia al servizio del Paese e della cittadinanza non siano messi in discussione da progetti di acquisizione avanzati da controparti non affidabili, con progetti industriali poco chiari o con  intenti esclusivamente speculativi”.

Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna