mercoledì 23 gennaio 2019
In foto: Oltre il 15% delle famiglie italiane vive in condizioni di disagio economico, spesso in uno stato di vera e propria deprivazione. Percentuale che arriva al 25,3% nel Mezzogiorno.
di    
lettura: 1 minuto
mer 11 ago 2010 14:34 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

E’ il quadro tracciato dall’Istat nell’ultimo rapporto annuario su dati 2009, presentato nel marzo scorso. Sono soprattutto cresciute le famiglie che dal 2008 al 2009 le famiglie (dal 32% al 33,4%) che si trovano in difficoltà di fronte alle spese impreviste. In particolare, quelle che sono in arretrato con debiti diversi dal mutuo (dal 10,5% al 13,6% di quelle che hanno debiti) e quelle che si sono indebitate (dal 14,8% al 16,4%). L’incremento delle famiglie che hanno debiti diversi dal mutuo si rilevano, in particolare, fra quelle del centro e del nord che passano, rispettivamente, dal 16,2% al 18,9% e dal 15% al 17,7%. Crescono, inoltre, al centro le famiglie che non possono permettersi una settimana di vacanza (da 36,7% al 39,6%) e nel nord quelle che, almeno una volta all’anno, non hanno soldi per acquistare cibo (dal 4,4% al 5,3% contro il 4,1% del 2007). Resta stabile il numero delle famiglie che non può permettersi di riscaldare adeguatamente l’abitazione (10,7%) nonostante il calo di gas e combustibili. Si riduce, invece, il numero delle famiglie che riferiscono di essere in arretrato con il pagamento del mutuo (dal 7,6% al 6,4% delle famiglie che hanno un mutuo) e con il pagamento dell’affitto (dal 14% al 12,5%) mantenendo però livelli molto più alti rispetto al 2007. (ANSA).

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna