sabato 20 luglio 2019
menu
In foto: Diminuiscono gli alberghi, aumentano bed & breakfast, alloggi privati e residence. Ma se cambiano le tipologie dell'accoglienza in Riviera, con una fotografia che va d'accordo con l'aspirazione alla destagionalizzazione, non si può parlare di ricambio generazionale.
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 5 ago 2010 13:42 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Oltre l’80% dei gestori, sottolinea però l’assessore al Turismo della Provincia Galli, è residente in Provincia.
Gli ultimi dati disponibili sugli alberghi in Provincia – ricordati in una nota dell’assessore al Turismo della Fabio Galli, sono del 31 dicembre 2009. 2134 alberghi, 81 b&b, 13070 alloggi privati. Appena il 17% degli oltre 2100 alberghi della Provincia hanno gestori sotto i 40 anni. L’età media dell’imprenditore alberghiero è 56 anni. “A volte”, si sottolinea però, “accade che dietro alla titolarità gestionale ci sia il lavoro di famiglia e figli”.

Un tema, quello della gestione alberghiera, su cui si era discusso nelle scorse settimane: quando, da parte dei sindacati, era stato lanciato l’allarme sul lavoro sfruttato o non pagato dei dipendenti di alcune strutture. La Cgil aveva anche parlato di infiltrazioni nella gestione di alcune strutture di imprenditori da fuori poco seri o, in alcuni casi, anche in odore di collusioni malavitose.

L’assessore nel suo intervento non fa riferimento a quell’allarme, ma sottolinea che oltre l’82,6%% dei gestori di alberghi sono residenti in Provincia (appartenenza territoriale che si eleva al 95,8% se il parametro diventa la provincia di residenza del proprietario della struttura ricettiva). L’Ufficio statistico della Provincia, poi, sta lavorando anche ad altri dati, che si annuncia verranno diffusi più avanti: quelli sui prezzi degli alberghi. Intanto, però, sottolinea l’assessore Galli, “credo opportuno già oggi sottolineare come questi primi numeri possano offrire un contributo alla discussione in atto sul presente e sul futuro delle strutture ricettive riminesi”.

La suddivisione per classe di età dei gestori dei 2.134 alberghi sul territorio riminese è così composta:
–          fino a 29 anni 3%
–          dai 30 ai 40 anni 14%
–          dai 41 ai 50 anni 24%
–          dai 51 ai 60 anni 25%
–          dai 61 ai 70 anni 20%
–          dai 71 e oltre 14%

Altre notizie
di Redazione
di Maurizio Ceccarini
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna