lunedì 19 agosto 2019
menu
In foto: I mondiali master di nuoto o i prossimi europei del dopolavoro. Sono solo alcuni esempi degli appuntamenti sportivi che Riccione è in grado di ospitare e sui quali punterà in futuro anche dal punto di vista turistico. Ne abbiamo parlato col sindaco Massimo Pironi.
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 19 lug 2010 16:42 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Lavorare sempre di più sul binomio eventi e turismo. Non eventi qualunque però, ma che sappiano coniugare spettacolarità e presenze e che possano avere appeal anche a livello internazionale. Questa la rotta che Riccione ha deciso di percorrere trovando negli appuntamenti sportivi un’occasione unica per sfruttare il proprio patrimonio di infrastrutture.
“Abbiamo una delle cittadelle sportive più importanti a livello nazionale – spiega Massimo Pironi, sindaco Riccione – che, con gli investimenti che abbiamo in programma sullo stadio del nuoto, acquisirà caratura internazionale. Dobbiamo sfruttarla al meglio. Ma nostro patrimonio fondamentale è anche la spiaggia, un’arena naturale che negli anni dobbiamo imparare ad utilizzare anche per eventi sportivi”.

Da giugno 2011 poi la Perla Verde potrà contare anche sul nuovo Palazzetto dello Sport. Molti riccionesi restano però critici su questi interventi di infrastrutturazione e sui loro effetti per la vita dei residenti.
“La colpa – ammette Pironi – è forse anche nostra che non riusciamo a far capire bene l’importanza di certi interventi. Molti cittadini vedono queste infrastrutture, spesso collocate in aree residenziali, come un limite alla loro qualità della vita. Non è così. Noi stiamo cercando di realizzarle garantendo il massimo. Anche il nuovo palazzetto dello sport e le aree parcheggio che gli sono a fianco, una volta ultimati, diventeranno un servizio in più e non un problema per i riccionesi.”

I cittadini però, secondo il primo cittadino, dovrebbero ricordarsi anche l’importanza che riveste il turismo nell’economia riccionese.
“Il 90% dei cittadini di Riccione, in maniera diretta o indiretta, vive con il turismo. Il turismo però sta cambiando velocemente: non basta più solo il balneare – spiega ancora Pironi – se vogliamo tenere i nostri alberghi aperti tutto l’anno dobbiamo puntare a sfruttare al meglio le nostre perle. Il turismo sportivo è una di queste. Passeranno decine di anni prima che altri possano competere in questo campo con noi”.

Newsrimini.it

Notizie correlate
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna