sabato 16 febbraio 2019
In foto: 1 milione e 400 mila firme raccolte a livello nazionale per dire 'No' agli affidamenti dei servizi idrici previsti dal Decreto Ronchi. A Rimini oggi il Comitato provinciale Promotore dei Referendum per l'acqua pubblica, ha presentato i risultati della Campagna.
di    
lettura: 1 minuto
sab 24 lug 2010 19:04 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

‘L’acqua non si vende’. Il 19 luglio scorso, il Comitato Promotore dei Referendum per l’acqua pubblica ha consegnato oltre un milione e quattrocentomila firme presso la Corte di Cassazione contro la privatizzazione dei servizi idrici. Il Comitato referendario riminese “Acqua bene comune” vede impegnate associazioni ed organizzazioni del territorio tra cui Associazione San Damiano, ANPI, WWF, Cristiani nel Mondo del Lavoro, Agesci, Masci, Gruppi di Acquisto Solidale, CGIL, Legambiente, comitati e partiti politici. Dal 25 aprile ha organizzato incontri sulla tematica dell’acqua e circa 100 banchetti di raccolta firme in tutta la provincia. Ne Sono state raccolte 4.912. Il movimento ora chiede al Governo di emanare un provvedimento legislativo che disponga la moratoria degli affidamenti dei servizi idrici previsti dal Decreto Ronchi, almeno fino alla data di svolgimento del referendum, e alle amministrazioni locali di non anticipare le scadenze.

Altre notizie
di Andrea Polazzi
Notizie correlate
di Redazione
di Maurizio Ceccarini
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna