sabato 19 gennaio 2019
In foto: Proseguono i guai per il Credito di Romagna. Dopo il commissariamento deciso alcuni giorni fa, la Procura di Forlì ha inviato ieri 19 avvisi di fine indagine ad altrettanti componenti o ex componenti dei vertici dell'istituto bancario oltre a diversi imprenditori locali.
di    
lettura: 1 minuto
sab 31 lug 2010 11:55 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Si tratta di un’indagine, come ha anticipato il quotidiano Corriere di Romagna, risalente ad una prima ispezione fatta dalla Banca d’Italia circa due anni fa e che avrebbe messo in evidenza rapporti irregolari fra l’istituto di credito forlivese e l’ Istituto Bancario Sammarinese e che non ha a che vedere con le successive ispezioni che hanno portato al commissariamento. Tra i 19 indagati figurano anche alcuni nomi di rilievo del panorama riminese: Manlio Maggioli, presidente della Camera di Commercio, l’industriale santarcangiolese, Edo Lelli, Roberto Valducci, ex presidente di Assindustria Rimini e attualmente vicepresidente del Pio Manzù. Tecnicamente la notifica di fine indagine permette ora agli indagati di presentare ai magistrati tutta la documentazione che ritengono necessaria per chiarire la loro posizione e confutare le ipotesi di reato, e di richiedere un interrogatorio che li metta direttamente a contatto con gli inquirenti. Conclusa questa fase, i magistrati decideranno per l’archiviazione o per la richiesta di rinvio a giudizio.

Altre notizie
di Redazione
VIDEO
Notizie correlate
di Simona Mulazzani
VIDEO
Le iniziative per don benzi

Una strada per don Oreste

di Redazione
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna