20 June 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Zerbini su asili. Privati, ma anche servizi diffusi. Riaprirà bando materna

RiminiScuola

13 aprile 2010, 09:05

in foto: Non solo bisognerà proseguire nella collaborazione con i privati, ma si dovranno studiare tutte le opportunità possibili di servizi "diffusi" per rispondere alle esigenze dei servizi per l'infanzia.

Lo ha detto ieri sera l’assessore comunale alle politiche Scolastiche Samuele Zerbini, ospite di una seduta del Quartiere 5. “Trovo una barbarie – ha spiegato l’assessore – che il Comune dica a un bambino di Viserba che per lui c’è posto a Miramare”. E allora, visto che l’Amministrazione deve favorire la creazione di servizi e controllarli ma non può pensare di gestirli direttamente tutti, bisogna cercare alternative: il 30 aprile alla sala di quartiere delle Celle, ad esempio, ci sarà un incontro sull’esperienza delle tagesmutter.
E questo, ha spiegato Zerbini rispondendo a chi gli chiedeva perchè con gli oneri di urbanizzazione del Peep a Viserba non sia stato costruito un asilo, è quello che permette di fare oggi il bilancio, stretto tra rimborsi ICI ancora attesi dallo Stato e patto di stabilità. I due nuovi nidi, Viserba e via Di Mezzo – spiega Zerbini – costano 540.000 euro l’anno: col privato, si spenderebbe meno della metà. I costi per il personale di un’Amministrazione Comunale sono molto più alti, e tra gli esempi Zerbini cita anche dipendenti che tre mesi dopo essere stati assunti in un asilo presentano certificati medici per cui non possono fare quel tipo di lavoro: “Casi realmente accaduti – ha specificato – ma avvengono un po’ in tutte le città”.
Nello specifico del quartiere 5, Zerbini ha spiegato che con l’apertura dell’asilo in via Sacco e Vanzetti a Viserba a giugno si potrà riaprire una graduatoria per le materne: quella vecchia riservava solo pochi posti al Galeone. Non ci sarà più la sezione di materna all’Albertina di Viserbella: l’Ufficio Provinciale aveva concesso il permesso già in via provvisoria.
In via Sacco e Vanzetti ci saranno due sezioni di nido, una primavera e tre di materna. Un totale di 50 posti circa per i nidi, un centinaio per la materna. Sezioni che dovrebbe gestire il Comune, che è però in attesa di conferma dallo Stato su quante sezioni vorrà o non vorrà gestire. E ai dubbi sull’avanzamento dei lavori, Zerbini, reduce da un sopralluogo nei giorni scorsi, risponde con un annuncio: “A inizio maggio faremo una visita per la stampa”.
Allo studio, negli asili dove le famiglie lo chiederanno, anche l’ipotesi di prolungare l’apertura dalle 16 alle 19. “Dovrà però essere a costo zero per l’Amministrazione”.
All’elementare di Torre Pedrera, dopo l’estate dovrebbero aprire due nuove aule. In inverno, annunciato anche il completamento dell’ampliamento della Media Fermi. Per le manutenzioni scolastiche, è prevista nei prossimi giorni l’assunzione di tre nuovi artigiani tramite Anthea.
In tema di servizi per l’infanzia, dal forese arrivano intanto voci ancora non confermate: la chiusura dei nidi San Lorenzo e Santa Aquilina.

Newsrimini.it

(nella foto, Zerbini e il presidente del Quartiere 5, Betti, nell’incontro di ieri sera)

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454