21 June 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Verità e giustizia per Ilaria Alpi e Miran Hrovatin: da Perugia parte appello

Riccione

26 aprile 2010, 12:08

in foto: Al Festival del Giornalismo che si è tenuto nei giorni scorsi a Perugia l'associazione Ilaria Alpi di Riccione ha lanciato l'appello “Noi vogliamo verità e giustizia, noi chiediamo verità e giustizia”:

a sedici anni dalla morte di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, la giornalista e l’operatore del Tg3 Rai uccisi il 20 marzo 1994 a Mogadiscio, l’Associazione ha voluto lanciare un appello al Presidente della Repubblica, alla magistratura, alla politica e a tutti gli italiani per individuare i mandanti e gli esecutori del duplice omicidio.
L’appello si può firmare anche sul sito www.ilariaalpi-it

Al caso Ilaria Alpi sarà dedicata la serata “Senza Giustizia. L’Assassinio Alpi –Hrovatin tra traffici di armi, rifiuti tossici, navi a perdere e mafie” che si terrà giovedì 17 giugno nell’ambito della XVI edizione del Premio Ilaria Alpi. Al dibattito interverranno i magistrati e i giornalisti che in questi sedici anni si sono occupati del caso.

“Dopo sedici anni, lunghissimi e dolorosi – si legge nell’appello dell’Associazione – si sa quasi tutto di quel che accadde quella domenica di marzo e perché. Si sa che fu un’esecuzione, come ha scritto lo scorso 17 marzo, il Gip Emanuele Cersosimo del Tribunale di Roma nel respingere la richiesta di archiviazione: “un omicidio su commissione, organizzato per impedire che le notizie raccolte da Ilaria Alpi e Miran Hrovatin su traffici di armi e di rifiuti tossici, venissero portate a conoscenza dell’opinione pubblica”.

Le prove – ricorda l’Associazione – non mancano. Sono quelle “custodite” nei documenti e nelle testimonianze accumulate attraverso le inchieste della magistratura, quelle parlamentari e quelle giornalistiche.
Ma perché, si chiedono i firmatari dell’appello, non si è ancora arrivati a una verità giudiziaria? Chi non vuole la verità e perché?
“Noi – si legge nell’appello – chiediamo alla Magistratura di procedere nell’accertamento delle responsabilità, di individuare esecutori e mandanti. Noi chiediamo alla politica un impegno deciso affinché tutte le verità connesse al duplice omicidio vengano alla luce.
Noi chiediamo al Presidente della Repubblica di farsi garante nei confronti dei familiari e di tutto il Paese che vogliono e hanno diritto ad avere verità e giustizia”.

Inviati in Somalia per seguire la guerra che stava insanguinando il paese africano e le operazioni militari realizzate dagli Usa con l’appoggio dei Paesi alleati, fra cui l’Italia, Ilaria Alpi e Miran Hrovatin probabilmente avevano scoperto inquietanti traffici internazionali: armi ai “signori della guerra” somali in cambio di terre per lo smaltimento di rifiuti tossici. Un traffico che avrebbe coinvolto organizzazioni criminali come la mafia, la ‘ndrangheta e la camorra. Il tutto con la copertura e la complicità di strutture di potere pubbliche e private.

Fra i primi firmatari:
Luciana Riccardi, mamma di Ilaria Alpi; Giorgio Alpi, papà di Ilaria; Pasquale D’Alessio, presidente dell’associazione Ilaria Alpi; Mariangela Gritta Grainer, portavoce dell’associazione Ilaria Alpi; Italo Moretti, presidente della giuria del Premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi; Massimo Pironi, Sindaco del Comune di Riccione; Maria Iole Pellicioni, assessore alla Cultura del Comune di Riccione; Antonio Di Bella Direttore Rai Tre; Andrea Vianello giornalista e conduttore Mi manda Raitre; Alessandro Banfi Caporedattore di Matrix, il fotoreporter Francesco Zizola, il docente univeristario Enrico Menduni, il critico televisivo Maurizio Turrioni; e i giornalisti Luca Ajroldi e Romano Tamberlich.

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454