25 June 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

46enne morta a Italia in Miniatura. Direzione ribadisce: una fatalità

CronacaRimini

26 aprile 2010, 13:08

in foto: Una fatalità per la quale l'immediato intervento del personale medico del Parco non ha potuto purtroppo fare nulla. Lo ribadisce la direzione di "Italia in Miniatura" in relazione al decesso di una visitatrice 46enne salita sull'attrazione "Sling Shot".

Lo stesso personale del parco, accortosi del malore dalla telecamera che registra le immagini per il DVD ricordo, ha allertato il medico quando la signora era ancora sull’attrazione.
Essendo la morte riconducibile a cause naturali, lo Sling Shot non è stato posto sotto sequestro.

La nota trasmessa dalla direzione del Parco:

La Direzione del parco tematico Italia in Miniatura, affranta e sconvolta, desidera esprimere il più profondo rammarico per la tragica fatalità che ha funestato la giornata del 25 aprile 2010 nella quale la signora Laura Cristofoletto ha perso la vita a causa di un malore mentre si trovava sull’attrazione “Sling Shot”.

La Direzione desidera esprimere il proprio riconoscimento al medico del parco per il suo immediato intervento, avvenuto in meno di un minuto da quando il personale addetto all’attrazione si è reso conto del malore della vittima e lo ha convocato d’urgenza. Dal filmato dell’evento consultato dalle forze dell’ordine e a disposizione del magistrato – il percorso è monitorato da una telecamera e il filmato fissato su un DVD che i visitatori possono conservare in forma di souvenir – emerge nettamente che la vittima ha improvvisamente perso conoscenza per cause naturali.

L’attrazione “Sling Shot”, sulla quale si trovava la vittima fa parte delle attrattive del parco da oltre 9 anni e non ha mai provocato il benché minimo problema, fosse anche un mal di stomaco. Né l’attrazione né il parco sono stati oggetto di provvedimento di sequestro cautelativo, a riprova dalla totale estraneità alle cause che sono costate la vita della povera Signora Cristofoletto.

Per ragioni di sicurezza, l’accesso all’attrazione è consentito solo persone in buona salute – esiste una dichiarazione da compilare prima di salirvi – di età compresa fra i 14 e i 55 anni, con obbligo di accompagnamento per i minori di 18 anni. La direzione del parco non consente ai visitatori di ripetere l’attrazione prima di due ore dalla volta precedente: si tratta di una procedura cautelativa dettata dalle rigide norme di sicurezza adottate da Italia in Miniatura.

I Carabinieri del Comando di Viserba hanno provveduto ad avvisare i familiari della vittima, ai quali vanno le più sentite condoglianze e tutta la solidarietà del titolare e di tutto il personale di Italia in Miniatura.

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454