venerdì 18 gennaio 2019
In foto: Da stasera in stazione a Rimini, operatori e volontari di Caritas e Associazione papa Giovanni XXIII assisteranno i senza tetto. Il progtto si chiama 'stazione sicira' è finanziato da Comune ministero dell'Interno.
di    
lettura: 1 minuto
lun 1 mar 2010 16:04 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Attivare percorsi assistenziali ed educativi, per aiutare i senzatetto che sostano alla stazione di Rimini e per intervenire sulle situazioni di allarme sociale. È stato presentato oggi in comune, il progetto “Stazione sicura” dell’Assessorato alla Protezione sociale che coinvolge operatori e volontari di Caritas e Associazione Papa Giovanni XXIII.

I volontari e gli operatori di Caritas e associazione papa giovanni XXIII saranno in stazione dalle 19 alle 24 ogni sera, da stasera. Il progetto, ‘stazione sicura’ esaminato dal comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, è stato finanziato dal Ministero dell’Interno con 218.540 euro di cui 93.600 euro a carico del comune di Rimini. Il progetto, durerà due anni e si traduce in tre azioni: il monitoraggio della stazione, l’attivazione di un numero verde a disposizione di chiunque voglia segnalare situazioni di particolare disagio, infine l’accoglienza e la proposta di progetti per il reinserimento sociale dei senzatetto. Ci sono 12 posti a disposizione tra caritas e capanna di Betlemme, per uomini e donne. La prima accoglienza potrà durare al massimo 15 giorni, per chi vorrà partecipare a progetti di reinserimento restare fino a tre mesi. Per la caritas e l’associazione papa giovanni XXIII, che non sono certo nuovi a questo tipo d’interventi, è un aiuto in più rispetto a quello che già fanno da molti anni per far sentire i bisognosi meno invisibili.

Numero verde : 800.912236

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Simona Mulazzani
VIDEO
Le iniziative per don benzi

Una strada per don Oreste

di Redazione
VIDEO
di Maurizio Ceccarini
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna