lunedì 19 agosto 2019
menu
In foto: Un raptus della follia dovuto all'uso di cocaina: e' questo secondo gli investigatori il movente dell'omicidio del piccolo Alessandro, il bimbo di otto mesi arrivato esanime per un grave trauma cranico, ieri mattina al pronto soccorso dell'istituto Gaslini di Genova.
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mer 17 mar 2010 13:05 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Per la morte del piccolo sono stati arrestati nella notte, con l’accusa di omicidio volontario la madre di Alessandro, Caterina Mathas, di 26 anni ed il suo compagno Giovanni Antonio Rasero, di 29. Secondo quanto emerso, sul corpo del piccolo sono state riscontrate fratture plurime sulla parte posteriore del cranio, bruciature da sigaretta in un padiglione auricolare, e lividi sul collo, provocati probabilmente da pizzicotti.

Dai riscontri effettuati dalla squadra mobile risulta che Alessandro era rimasto con la madre ed il suo compagno dalla sera prima, fino all’arrivo al pronto soccorso. Non e’ ancora chiaro chi dei due abbia compiuto materialmente il gesto, ma si ritiene certo il coinvolgimento di entrambi. E’ possibile che la donna, che nel corso dell’interrogatorio si e’ professata innocente, abbia rimosso l’accaduto, questo potrebbe essere dovuto sia all’uso della droga, sia alla gravita’ del fatto. (ANSA)

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
L'analisi della Camera di Commercio

Crescono le imprese straniere attive in Romagna

di Redazione   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna