13 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Omicidio Simonetta Cesaroni, suicida l’ex portiere dello stabile di via Poma

CronacaNazionale

9 marzo 2010, 17:13

in foto: Si è suicidato Pietrino Vanacore, l'ex portiere dello stabile di via Poma, nel quale fu trovata uccisa Simonetta Cesaroni (nella foto).

Vanacore, che è stato trovato ancorato a una corda che si era allacciata intorno alla caviglia, si è gettato in acqua in località Torre Ovo, vicino Torricella, in provincia di Taranto, dove risiedeva ormai da anni. “Venti anni di sofferenze e di sospetti ti portano al suicidio”, ha lasciato scritto su un biglietto.
Così a 20 anni dal delitto per cui fu additato come “mostro” e a pochi giorni dal 12 marzo, quando avrebbe dovuto testimoniare nel processo contro l’ex fidanzato della ragazza Raniero Busco rinviato a giudizio, Vanacore ha deciso di farla finita.

I guai per l’ex portiere iniziarono tre giorni dopo l’omicidio. E’ ritenuto ‘reticente’ dagli inquirenti. E’ l’ultima persona ad aver visto Simonetta viva. Si contraddice durante gli interrogatori riguardo ad alcuni vasi che avrebbe annaffiato nell’ora del delitto. Sui suoi pantaloni vengono rinvenute due piccole macchie di sangue e poi ha le chiavi dell’ufficio dove lavorava la vittima e sulla porta non ci sono segni di scasso. L’ipotesi degli investigatori è che Vanacore abbia tentato di violentare la ragazza e l’abbia uccisa. Ma le perizie scientifiche smontano la tesi. Dopo una ventina di giorni di carcere l’ex portiere torna libero.

”Ho sentito i familiari di Simonetta. Il primo sentimento che si prova è di dispiacere. La notizia ci ha colpiti sotto il profilo umano, il suicidio è sempre una cosa drammatica”. Così l’avvocato Lucio Molinaro, legale della famiglia di Simonetta Cesaroni, commenta all’ADNKRONOS la notizia del suicidio di Pietrino Vanacore. ”Il rancore e la contrarietà di quando ci fu il processo a suo carico tacciono di fronte all’emozione di questa notizia”, ha poi aggiunto il legale, spiegando che ”domani incontrerò la madre e la sorella di Simonetta, proprio perché la notizia ci ha colpito molto”. E sulla deposizione di Vanacore prevista per 12 marzo, Molinaro ha detto: ”Avrebbe potuto avvalersi della facolt° di non rispondere”.

“Il suicidio è troppo vicino alla scadenza processuale per non essere collegato”, ha commentato con l’ADNKRONOS Paolo Loria, il difensore di Raniero Busco, unico indagato per l’omicidio. “Vanacore doveva essere sentito in aula. Evidentemente non si è sentito di affrontare l’aula, i giudici. Venti anni di peso sulla coscienza sono troppi. E lui sapeva sicuramente qualche cosa”, conclude l’avvocato.
(Adnkronos)

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454