La Curva Est critica l’amministrazione e, indirettamente, la Rimini Calcio

Rimini Sport

12 marzo 2010, 13:44

in foto: Nel comunicato, la Curva Est ricorda le riunioni con i tifosi del 2006, 2007 e 2008 sullo stadio nuovo.

Il comunicato integrale

“Nella ridda di voci, conferenze stampa, risposte e distinguo seguite al disimpegno della Cocif dalla Rimini Calcio, siamo rimasti molto colpiti dalla risposta del sindaco, che riteneva “ingenerose” le critiche della società. Beninteso: non critichiamo l’operato del Comune sposando la causa di una proprietà che lascia il Rimini con una conferenza stampa senza che i massimi dirigenti mettano la faccia, e che “punisce” la Curva escludendola vilmente dalle promozioni dei biglietti a 1 euro, cercando di svuotarla perché è ed è stata l’unica voce critica, già in tempi non sospetti, quando ancora il DS e i dirigenti mentendo rassicuravano sul futuro. Ci sentiamo tuttavia, indipendentemente dagli ultimi eventi, in dovere di commentare le parole del sindaco, il quale in maniera diremmo spudorata dichiara grossomodo che è stato fatto tutto il necessario. Come se non fossero esistite delle riunioni coi tifosi (ormai nei lontani 2006, 2007 e 2008) alla sua presenza nelle quali si pianificò e si promise lo stadio nuovo, con tanto di indicazione dei tempi. Come se i suoi assessori, in particolare la Turci, non avesse annunciato lo stadio anche a mezzo stampa (scripta manent…), come se non fosse stato votato un indirizzo poi non rispettato, come se non fosse stato inserito lo stadio in un programma elettorale, poi clamorosamente disatteso. Alla luce di come sono andate le cose, non facciamo questioni di capienza, per quanto riguarda lo stadio, ma di decenza del luogo dove per anni migliana (MIGLIAIA) di riminesi hanno assistito alla partita. E alla luce di come sono andate le cose, non c’è riminese che abbia seguito la sorte del Rimini negli ultimi anni che non possa dire di essersi sentito preso in giro dalle continue menzogne sullo stadio, dai continui rinvii, dai “tra un mese va in consiglio” che altro non erano che un continuo procrastinare la situazione nell’attesa che accadesse qualcosa a cui attaccarsi per non fare lo stadio. Nell’attesa della fine del sogno di Bellavista, in poche parole.
La cittadinanza riminese che in questi anni ha fruito del Romeo Neri inoltre vuole ringraziare la sua amministrazione per non averci dato lo stadio perché c’erano altre priorità. Che dovevano essere gli asili (che continuano a non esserci), ma non c’è neppure una piscina, un teatro, nulla per i cittadini. Sono invece fiorite altre priorità: rotonde anche inutili, grandi centri commerciali, cemento a Viserba (lì una bella Ferrari immobiliare…), IKEA, Mercatone, un secondo palasport per il basket che va sparendo, due palacongressi in 10 km che non si sa come mantenere… Grazie e complimenti.
L’uscita del sindaco Ravaioli per rispondere al disimpegno con accuse della Cocif è davvero inopportuna e offensiva al pari di quella di una società che scarica il Rimini come un peso, qualcosa di cui liberarsi, quasi con ribrezzo.
Ci piace ricordare in questa occasione ancora una volta Vincenzo Bellavista. Purtroppo in questo momento sono stati piantati gli ultimi due chiodi sulla sua bara: l’abbandono del “suo” Rimini da parte di quelli che sarebbero dovuti essere i suoi “eredi”, e l’ennesima presa in giro sullo stadio al presidente che una sera si mise alla testa di una pacifica sfilata di tifosi per chiedere un impianto decente e un aiuto al suo Rimini e al suo e nostro sogno.
Il Rimini resterà comunque il nostro sogno e la nostra passione, anche nelle categorie minori dove festeggeremo tra pochi intimi il centenario.
Ricorderemo Bellavista con affetto, e ricorderemo di certo chi ha tradito la sua passione, sotto tutti gli aspetti”.

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454