giovedì 17 gennaio 2019
In foto: Protagonista, una sirena con gli occhiali a 3D. L'artista bolognese è la prima donna a firmare l'immagine testimonial dell'estate riminese.
di    
lettura: 2 minuti
lun 22 mar 2010 12:49 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Dopo Manara, Jovanotti e Bergonzoni è finalmente una donna a dare forma e colori alla prossima estate targata Rimini.
Francesca Ghermandi, nata nel 1964 a Bologna, dove vive e lavora, è riconosciuta come la più autorevole presenza femminile nel campo dell’illustrazione e del fumetto d’autore italiano.
‘L’idea che ho cercato per le immagini – spiega l’autrice – è quella di ‘Rimini come luogo a più dimensioni’ dove c’è spazio per altre visioni oltre al mare. Con i colori ho cercato di rendere la sensazione dell’estate. La pinna rossa ricorda il pesce rosso del vecchio manifesto di Dudovich. Per arrivare a realizzare l’immagine di Rimini, a differenza dei disegni che faccio di solito (che vengono stampati molto più in piccolo degli originali e si guardano nel limite di una pagina) mi sono immaginata di guardare una pagina gigantesca e con i colori vivaci dei manifesti del circo’.

Il manifesto della Ghermandi caratterizzerà la campagna di promozione turistica 2010 attraverso i manifesti, le cartoline, la pubblicità e i materiali di informazioni realizzati dall’Assessorato al Turismo del Comune di Rimini.
L’originale rimarrà di proprietà del Comune e verrà esposto nel Museo della città, così come le opere precedenti a partire dal 2000.

Biografia dell’artista
Francesca Ghermandi è nata nel 1964 a Bologna, dove vive e lavora. Figlia dello scultore Quinto e della pittrice Romana Spinelli, ha iniziato a disegnare fin da bambina. Dopo il diploma classico, nel 1983 si iscrive alla Facoltà di Architettura che frequenta per qualche anno; parallelamente segue un corso di fumetti tenuto da gruppo Valvoline (Lorenzo Mattotti, Daniele Brolli e altri) e da Andrea Pazienza, che le rivela il mondo del fumetto d’autore contemporaneo.
Esordisce a metà degli anni ’80 e tiene collaborazioni in Italia e all’estero con fumetti ed illustrazioni per diverse testate e case editrici, tra cui Frigidaire, il Manifesto, Comic art, l’Unità, Linus, Internazionale, Einaudi, Editori riuniti, Mondadori. Tra i suoi libri a fumetti, Hiawata Pete (ristampa per Coconono press), Helter Skelter (Phoenix), The Wipeout (Fantagraphics books), Pasticca (stile libero), Grenuord (Coconino press). Ha pubblicato libri per bambini e ha realizzato la sigla animata della biennale cinema di Venezia 2006.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna