22 June 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Elezioni regionali. Aia: per il turismo serve intesa non battibecchi

PoliticaRimini

26 marzo 2010, 08:38

in foto: "Il ping pong fra parlamentari locali sul turismo su chi sia stato più bravo a presentare proposte di legge non ci appassiona" e poi "un conto è presentare una proposta, un conto è vederla approvata e dotata della necessaria copertura finanziaria".

Parola dell’Associazione albergatori di Rimini, che ribadisce, in una nota: “Senza leggi o con leggi senza soldi si fa poca strada”. E aggiunge: “da più di dieci anni chiediamo una normativa per gli affittuari che vogliono acquistare l’albergo fatta di un mix di agevolazioni fiscali e incentivi finanziari”, questo garantirebbe “continuità gestionale e salvaguarderebbe dal degrado una parte consistente di immobili alberghieri lasciati andare in rovina o affittati a personaggi o gruppi non qualificati. Abbiamo anche spiegato a ministri, parlamentari, presidenti e aAssessori regionali che il processo di riqualificazione negli immobili e nei servizi turistici che ne conseguirebbe, metterebbe in moto un indotto economico (imprese edili, artigiani, fornitori di impianti, attrezzature, arredamenti, tecnologie) tale da creare nuovo lavoro facendo incassare ampiamente allo Stato le risorse investite. Ma nemmeno questo è servito: silenzio totale su tutta la linea”. “Non parliamo – prosegue la nota – delle leggi sul credito alberghiero per sostenere la riqualificazione, ferme da anni a livello nazionale e solo quest’anno, dopo tre anni di niente, finanziate per piccola quota dalla nostra Regione. Potremo andare avanti sull’Iva turistica: la richiesta di abbassarla è dell’inizio degli anni 2000, abbondantemente prima della crisi finanziaria mondiale. Ci hanno risposto da Roma che, per allinearci a Francia o Spagna, serviva un accordo in sede Ue. Tutte balle: la Germania recentemente ha abbassato l’Iva senza aspettare i burocrati di Bruxelles! Ma qui ci fermiamo, anche se ci sarebbero altri capitoli da aprire”. A centrodestra e centrosinistra l’invito è dunque: “smettete si sfidarvi a singolar tenzone per apparire su quotidiani e televisioni e dimostrate di saper lavorare insieme quando, come nel turismo, gli obiettivi sono chiaramente condivisibili da tutti, dalla destra alla sinistra! Perdere tempo in contrapposizioni partitiche nel nostro settore è enormemente pericoloso. Attorno a noi ci sono sempre nuove mete turistiche, Paesi e gruppi economici che investono cifre da capogiro sul turismo, turisti che vogliono località attraenti, ben collegate e servizi di qualità. Se il nostro Paese, se la nostra Riviera non si dimostrano all’altezza, i turisti vanno altrove”. (ANSA)

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454