martedì 23 luglio 2019
menu
In foto: Nuovo gruppo choc su Facebook: 'Giochiamo al tiro al bersaglio con i bambini down'. Il gruppo, che conta oltre 800 membri, si è collocato nella categoria 'Salute e benessere':
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 22 feb 2010 08:54 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

nella pagina mostra una foto del profilo altrettanto scioccante con frasi offensive e denigratorie dei bambini down. Fondatori e amministratori: Il signore della notte e il vendicatore mascherato. Indirizzo e dati, ovviamente di fantasia, in linea con lo ‘stile’ del gruppo. Sul web è già partita la controffensiva. Una community dalla quale hanno già preso le distanze altri utenti: sono oltre 1600, infatti, gli iscritti a ‘segnaliamo il gruppo “Giochiamo al tiro al bersaglio con i bambini down” e circa 70 i membri dell’anti gruppo ‘Giochiamo al tiro al bersaglio con i bambini down’. Entrambi chiedono la chiusura della pagina, protestando contro i contenuti.
Ma i tempi non sono brevi. “Queste sono cose purtroppo molto frequenti. Abbiamo parecchie segnalazioni di questo genere, sulle cose più disparate – rispondono all’Adnkronos dalla Polizia postale – Anche su Haiti non c’è stata pietà. Ma dobbiamo tenere presente che Facebook è all’estero ed è molto difficile muoversi in tempi rapidi”.
“Purtroppo in rete – confermano – è molto facile che uno dia sfogo ai bassi istinti perché si sente protetto da una sorta di anonimato. E’ in parte è anche vero. Per l’oscuramento del gruppo ci vuole un provvedimento del magistrato e, dato che i server stanno all’estero, c’è bisogno di una rogatoria. A meno che non intervenga la società”.
Intanto a insorgere non è solo il web. Si tratta di “un gruppo inaccettabile, non degno di persone civili, pericoloso – commenta all’Adnkronos il ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna – E, soprattutto, un reato che, in quanto tale, sarà perseguito. L’istigazione a delinquere, ovunque questa avvenga e in qualunque forma, è un reato e, di conseguenza, verrà certamente perseguito dalla magistratura. I responsabili stiano certi che saranno individuati e denunciati, che la Polizia postale sta facendo il massimo per togliere di mezzo questo gruppo” conclude la Carfagna.
(Adnkronos)

Altre notizie
di Redazione
di Andrea Polazzi
VIDEO
di Redazione
Notizie correlate
di Andrea Turchini   
di Andrea Polazzi   
di Redazione   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna